Periodico di vita e cultura locale a cura dell'associazione PAROLE & MUSICA onlus.

giovedì 8 settembre 2016

Caselle Centocinquantamila euro per far belle le scuole, ma mancano gli insegnanti

Nuovo look per l'asilo nido "L'isola felice", per la scuola Rodari e e per la Collodi. Dopo gli oltre 450 mila euro spesi nel 2015 per i lavori di manutenzione straordinaria alla scuola elementare Rodari di viale Bona, quest'anno l'amministrazione ha scelto  di investire circa 150 mila euro per i lavori di abbellimento e non solo. Al nido oltre la tinteggiatura esterna nei caldi colori dell'estete - rosso, arancio e giallo - sono stati rifatti tutti i marciapiedi perimetrali della struttura, costruita oltre 40 anni fa, gli scivoli e risolto il problema delle infiltrazioni dal tetto. "Il nostro obiettivo - spiega l'assessore all'istruzione, Erica Santoro - oltre ad avere strutture funzionali e con spazi adeguati, è anche quello di renderle gradevoli alla vista. Vogliamo educare i bambini al bello". Il nido quest'anno ospita ben 59 bimbi. I lavori alla "Rodari" oltre la tinteggiatura esterna, hanno interessato anche la palestra dove è stata risistemata la tribuna e creati due campi di gioco e attività indipendenti e il cortile esterno della scuola d'infanzia "Andersen" ripavimentato con materiale anti-shock e impermeabilizzato. "In questo modo sarà pienamente fruibile - prosegue Santoro - dai bimbi e soprattutto non si allagherà più come avveniva in passato". Lavori di tinteggiatura esterna hanno interessato anche la facciata su piazza Boschiassi della primaria "Collodi". "E, questi sono sono interventi straordinari - dice ancora Santoro - durante l'anno di piccoli lavori ce ne sono a bizzeffe. E, tutto, compresi i 150 mila euro spesi questa estate sono fondi comunali". Le scuole sono belle e piacevoli, pronte ad accogliere i quasi 1800 ragazzi che le frequentano, ma mancano gli insegnanti. Anche Caselle non è esente dal problema che sta colpendo la maggior parte delle scuole italiane. "L'anno scolastico inizierà ad orario ridotto  - conclude Santoro - ed è un problema per molte famiglie. Con la dirigente scolastica dovremo studiare soluzioni per questo primo periodo, in attesa che i docenti vengano nominati".