Periodico di vita e cultura locale a cura dell'associazione PAROLE & MUSICA onlus.

venerdì 27 gennaio 2017

Il mondo Disney vive a Mappano

È stato amore a prima vista. Da quel giorno quando, ancora bambino, prese tra le sue mani quel giornalino e cominciò a leggerlo, è diventato compagno del tempo libero e una grande passione. 
 Al punto tale da diventare un collezionista, nel vero senso della parola. Camillo Russo - personaggio notissimo a Mappano non solo per la sua simpatia e cordialità, ma anche per la disponibilità che sempre mostra verso ogni iniziativa, e per quel “corto” che ha girato con un gruppo di amici contro la violenza sulle donne che solo in pochi hanno avuto il privilegio di vedere in anteprima – nella sua casa di via Marconi custodisce un vero e proprio tesoro, composto da quasi 4mila pubblicazioni, tutte rigorosamente Disney, e da migliaia di gadget sempre relativi al mondo Disney. 
«Ero un bambino quando un amichetto – racconta – mi fece leggere per la prima volta Topolino. Mi si aprì un mondo. Erano gli anni ‘80. Chiesi a mio padre di comprarmi quel giornalino, e da allora non ho più smesso. La mia passione è il mondo Disney. Il mio personaggio preferito, Paperino».
Nella mansarda della sua abitazione, interi mobili sono destinati a contenere la mole immensa di pubblicazioni che Camillo ha collezionato negli anni e di quelli che, andando per mercatini, riesce a trovare e ad aggiungere alla sua collezione, tutta rigorosamente schedata: dai 2296 Topolino che partono dal numero 199, ai 372 mensili Disney; dai 235 Almanacco e Almanacco Topolino ai 184 Almanacco Paperino per arrivare ai Grandi Classici e ai numeri speciali, alcuni molto rari e preziosi dal punto di vista del valore commerciale. Nella sua camera migliaia di pupazzetti e gadget di ogni singola storia Disney. Intere vetrine stracolme: elicotteri, aerei, case delle principesse, perfino un orologio a cucù.
«Il pezzo che mi è più caro? L’auto di Paperinik – risponde con orgoglio - Vado per mercatini e tutto quello che trovo, lo compero». In questi ultimi anni alla collezione ha aggiunto i gadget di Cars, Pirati dei Caraibi e Star Wars, aggiunti di recente alla scuderia Disney. Questa passione, negli ultimi anni, ha aiutato Camillo a superare la delusione della perdita del posto di lavoro. Dal 1997 era impiegato alla Pininfarina-De Tomaso. Le note vicende che hanno caratterizzato l’azienda, hanno portato prima alla cassa integrazione per due anni, poi alla mobilità decine di lavoratori senza riuscire più a riassorbirli. «Purtroppo ora la mobilità è scaduta – conclude con rammarico – Da tempo sto facendo tanti lavoretti, ma nulla di definitivo e soprattutto di sicuro. Ma non mi arrendo di certo».