Periodico di vita e cultura locale a cura dell'associazione PAROLE & MUSICA onlus.

martedì 7 marzo 2017

Leinì, ladri acrobati in parrocchia. Come nel '64

Ladri acrobati nella parrocchia di Leinì. Un titolo che risale al gennaio del 1964, ma che potrebbe andare benissimo anche oggi. Perché se allora i malintenzionati, passando dai tetti, si erano calati in chiesa con una corda, rubando mobili antichi e oggetti sacri, qualche giorno fa altri malintenzionati sono passati dai tetti per entrare nella locali della parrocchia e, una volta penetrati, si sono “accontentati” degli euro, diverse migliaia, messi da parte per essere poi devoluti alla Caritas, per sostenere le tante famiglie di Leinì che necessitano di un sostegno.
Il tutto è avvenuto mercoledì sera, 1° marzo, mentre la comunità parrocchiale era impegnata con la messa delle 21 per l’imposizione delle Ceneri. Il gruppetto di malintenzionati, forse professionisti ma di certo spericolati, dopo aver probabilmente svolto dei sopralluoghi nei giorni precedenti, hanno approfittato della funzione per entrare nei locali amministrativi passando dai tetti, sfondare porte, buttare all’aria quello che trovavano, arrivare nell’abitazione del parroco, don Pier, e mettere le mani sul denaro. Un furto ignobile, come tutti i furti, ma se possibile ancora di più, dal momento quei soldi sarebbero serviti per aiutare famiglie più sfortunate. A parziale consolazione, il fatto che le videocamere hanno fatto il loro lavoro: le immagini sono già nelle mani del carabinieri di Leinì.