Periodico di vita e cultura locale a cura dell'associazione PAROLE & MUSICA onlus.

martedì 23 maggio 2017

Borgaro – Fioriscono i biglietti della Legalità nell’Albero dedicato a Bruno Caccia simbolo della lotta alle mafie grazie agli alunni borgaresi delle scuole medie nel giorno del ricordo della Strage di Capaci.

Albero Caccia fiorito con i "pizzini" della Legalità 
Si chiama “Acer Palmatum” ma a Borgaro è conosciuto come “Albero Caccia” dedicato al giudice Bruno Caccia e che da tre a questa parte in questo 23 maggio fiorisce di biglietti o meglio i “pizzini “ della Legalità pensati e prodotti dagli allievi e allieve delle prime e seconde  classi delle borgaresi della scuola media “Carlo Levi” che hanno partecipato al corso della Legalità promosso dall’associazione Parole e Musica onlus insieme all’assessorato alla pubblica istruzione del comune di Borgaro, con il coordinamento didattico della professoressa Tiziana Norelli e la consulenza scientifica di alcune volontarie dell’associazione Agende Rosse di Torino. Una giornata da ricordare questa del 23 maggio e che si è svolta a Borgaro intorno a questo  simbolo  l’ Albero Bruno Caccia” il primo in Italia e che questa mattina è stato “circondato da decine di giovani nell’aiuola di via SS. Cosma e Damiano. Lo hanno risaltato nei loro interventi  l’assessore Marcella Maurin e la  rappresentante di Agende Rosse Maria Bergadamo  . Maurin ha voluto intorno a lei i ragazzi e le ragazze della Seconda D vincitrice del concorso “Se Vuoi” e che andranno in visita a Palermo ad ottobre per visitare e incontrare testimoni della battaglia civile contro lamafia .  Bergadamo  ha ribadito l’impegno educativo svolto dall’associazione durante il corso nella scuola .Un impegno dei ragazzi e ragazze che si è potuto vedere nella lunga, vivace e chiassosa lettura delle frasi scritte e che hanno affisso all’Albero. Sul masso che è posto davanti all’Albero c’è la frase “Coltiviamo la Legalità” e questo impegno lo si è potuto vedere anche per la presenza di molte associazioni locali , consiglieri comunali di opposizione e comuni cittadini che dopo la fine della cerimonia si sono fermati ad ammirare questa aiuola della Legalità. 
Le allieve e allievi della Scuola Media "piantano" i pizzini della Legalità 




Prof.ssa Tiziana Norelli

Marcella Maurin   Maria Bergadamo Dario De Vecchis


Lettura dei pizzini della Legalità 






Marcella Maurin 

Le Volontarie di Agende Rosse Torino