Periodico di vita e cultura locale a cura dell'associazione PAROLE & MUSICA onlus.

martedì 16 maggio 2017

Borgaro- Premiazione sabato 13 maggio del premio “Basilicata” organizzato dall’associazione lucani di Borgaro conferma la sua qualità e validità. Bella partecipazione degli studenti delle scuole medie di Borgaro e Mappano.



 L’importanza del premio “Basilicata” giunto alla sua 13^  edizione l’abbiamo potuta capire dalla lettura dei due elaborati vincitori di Letizia Iunco sul tema dell’Emigrazione classe 2B e quello di Giulia Insalaco 3A sul tema della ricerca del lavoro  tra i giovani allieve della scuola media Levi di Borgaro, per Giulia la seconda volta dopo aver vinto  lo scorso anno come miglior allieva delle classi Seconde. Ascoltare le loro parole sono state il compendio migliore per capire e comprendere il ruolo del premio “Basilicata” organizzato dall’associazione dei lucani di Borgaro “Orazio Flacco” e che ha organizzato sabato 13 maggio  a Borgaro presso l’aula magna della scuola media “Carlo levi” la premiazione dell’13^ edizione. Una edizione che ha con queste novità rilevato e riconfermato l’idea, la volontà e la qualità del Concorso. Non è facile organizzare un premio scolastico o un qualunque premio letterario ma l’associazione guidata da Raffaele Terlizzi ha senza dubbio preso il premio “Basilicata” come una iniziativa imprescindibile per l’associazione lucana che vuole sul territorio non solo portare le tradizioni, la storia e la cultura di quella bella regione ma anche svolgere attività che ne risaltano le energie soprattutto quelle giovanili. Dalla prima progettazione del concorso ad oggi la strada che è stata percorsa   non è stata un' autostrada piatta e lineare, ma proprio le sue problematiche  hanno spinto a perseverare da parte  dei Lucani borgaresi. Le persone che si sono avvicendate ad iniziare dai giurati  hanno sempre dimostrato disponibilità, serietà nel loro difficile lavoro di valutazione e di scelta . La scelta degli argomenti e la composizione delle tracce comprensibili hanno dato ai giovani partecipanti al concorso attraverso i loro pensieri  suggerimenti e  le soluzioni ai problemi che affliggono la terra. Le tematiche che sono state affidate ai giovani studenti da sviluppare e analizzare sono state una miniera di idee che ha sorpreso e anche in qualche modo meravigliato i giurati che hanno giudicati i vari elaborati e premiato una domanda costante che si pone sempre per un concorso letterario e di un progetto che anche quest’anno ha dato la giusta risposta che è  necessario continuare a portarlo avanti! Per la cronaca ricordiamo che è stato un premio al femminile visto che tutti i premi dati in borse di studio sono stati “conquistati” da ragazze e ricordiamo in questo caso le allieve borgaresi e mappanesi oltre a quelle della scuola media di Lavello e quelle già citate all’inizio dell’articolo e vincitrici dei primi premi :  Elisabetta Sorce 2B, Alice Papasinero 3B della scuola media Levi di Borgaro , Ginevra Passaro 3B e Omara Asmaha 3A della scuola media Falcone di Mappano. Ricordiamo durante la cerimonia  gli interventi non rituali durante delle dirigenti scolastiche dell’IP di Borgaro e Mappano le professoresse Liliana Bodini e  Lucrezia Russo, dei giurati Maria Celano, presidente dell’associazione “Magna Grecia Lucana”, del sociologo Roberto Cardaci, dello psicologo Vittorio Bartolomei e degli amministratori locali Claudio Gambino sindaco di Borgaro e gli assessori alla cultura Fabrizio Chiancone e alla Pubblica Istruzione Marcella Maurin. Grande è stato l’impegno anche dei docenti e in particolare vogliamo segnalare il professore Massimo Bombonati della scuola media “Falcone” di Mappano  e le professoresse della scuola media “Levi “ di Borgaro Tiziana Norelli e Monica Allara. Arrivederci all’edizione 2018! (DeVeDa)