Periodico di vita e cultura locale a cura dell'associazione PAROLE & MUSICA onlus.

giovedì 1 giugno 2017

Caselle, la carica dei diversamente giovani

Per una lista equilibrata serve l'entusiasmo dei giovani ma serve anche l'esperienza di chi un ragazzino non lo è più. E allora andiamo a conoscere i meno giovani delle quattro liste in lizza.

Per Caselle con Baracco
Giovanni Isabella, 59 anni, sposato con Angela, operatore ecologico in pensione, è stato consigliere comunale dal 1994 al 1998, assessore all’ambiente dal 1998 al 2002, presidente del Consiglio comunale dal 2007 al 2012 e vice sindaco e assessore al bilancio dal 2012 al 2017, sindacalista Cgil e consigliere dell’Unione Net dal 2010 al 2012. Ama i viaggio e lo sport. Tra i suoi libri preferiti, “Questo non è un Paese normale” di Massimo D’Alema. Ama tutti i generi musicali. Ha scelto di continuare il suo impegno in politica perché crede nel “progetto Baracco”. Un progetto per far crescere i giovani e prepararli al futuro. Se la lista vincerà le elezioni, la prima cosa a cui lavorerà sarà la riduzione della tassa rifiuti. Un progetto già in cantiere da tempo. Lavorerà anche alla riduzione delle tasse in generale.

Movimento Cinque Stelle
Giuseppe Spina 61 anni, sposato, 2 figli, pensionato. Ha lavorato come impiegato all’Iren come conduttore di impianti termici. Residente in borgata Francia , dove ha subito numerose alluvioni, si è reso conto che lamentarsi non basta, bisogna mettersi in gioco. I suoi hobby sono il giardinaggio, ma ama moltissimo anche lo sport, soprattutto le passeggiate in bicicletta e le corse podistiche. L’ultimo libro che ha letto è “Il trono di spade” di George Martin del genere fantasy tanto caro evidentemente a nonni e nipoti. La musica la ama moltissimo. Tra i suoi preferiti i Pink Floyd, i Deep Purple e David Bowie. Ha scelto di candidarsi per fare qualcosa di utile per la comunità, impegnandosi in prima persona. Se la lista vincerà le elezioni di giugno vorrebbe migliorare borgata Francia e realizzare delle piste ciclabili.


Favero Sindaco
Luigi Masera, 73 anni, sposato, un figlio, due nipoti e un pronipote, casellese doc. Pensionato è stato dirigente alle Poste, ora imprenditore agricolo, membro della Pro loco di Ceretta, in molte commissioni consigliari di San Maurizio. Ama leggere e il suo autore preferito è il premio Nobel, Salvatore Quasimodo. Predilige la musica classica. Ha scelto di candidarsi perché si è sempre interessato di politica e questa volta vuole impegnarsi in prima persona nella sua città natale. La prima cosa che vorrebbe fare, nel caso in cui la sua lista vincesse la consultazione dell’11 giugno, è portare l’acqua potabile a tutte le aziende agricole del territorio, un atto fondamentale per le attività.

 

Ricominciamo per Caselle
Adele Tirone, 78 anni, sposata, 3 figli, insegnante elementare in pensione è stata consigliere comunale a Caselle nel 1977. Promotrice del tempo pieno e dell’Estate Ragazzi, in passato per dieci anni è stata l’organizzatrice per il Comune di tutte le attività sportive. Giudice conciliatore per sei anni, è stata fondatrice del comitato per lo spostamento della pista aeroportuale. Nel 2013 ha creato il Comitato Pro Renzi. I suoi hobby sono la lettura e le poesie. L’ultimo libro letto è “Ogni maattina a Jenin”  di Susan Abulhawa. Predilige la musica classica ed in particolare Mozart.  Torna a candidarsi dopo tanti anni perché vuole un’Amministrazione vicina ai cittadini. In caso di vittoria vorrebbe fare un’assemblea aperta con tutti i casellesi per coinvolgerli nell’amministrazione della cosa pubblica e riavvicinarli alla politica.