Periodico di vita e cultura locale a cura dell'associazione PAROLE & MUSICA onlus.

sabato 9 settembre 2017

Contributi per passare dalla benzina al metano. O al Gpl

Il consigliere di “Cambia Leinì” Renato Pittalis l’ha proposto, la maggioranza ha valutato, accolto e portata in Consiglio, e il parlamentino l’ha approvato. E ora, grazie a questo iter, i proprietari di veicoli privati Euro 2 ed Euro 3, o di veicoli commerciali Bi Fuel e Dual Fuel, potranno contare su contributi messi a disposizione dal ministero dell’Ambiente per trasformarli a Gpl o metano.
Grazie all’approvazione del Consiglio, infatti, il Comune di Leinì ha aderito alla convenzione Icbi (iniziativa carburanti basso impatto), che vede come capofila la città di Parma. Per ottenere l’incentivo (che corrisponde a grandi linee ad un terzo della spesa necessaria per l’intervento) gli automobilisti devono rivolgersi a un'officina aderente all'iniziativa che, dopo aver verificato la disponibilità dei fondi e ottenuto il codice di prenotazione attribuito a ciascun intervento (che garantisce l'accantonamento del fondo), comunica al beneficiario quando potrà installare sul suo veicolo l'impianto a Gpl o a metano. L’incentivo non è cumulabile con altre forme di agevolazione statali e viene corrisposto direttamente dall'installatore al beneficiario tramite uno sconto in fattura. I vantaggi sono evidenti: meno spese per il carburante per gli automobilisti, e meno sostanze inquinanti nell’ambiente.