Periodico di vita e cultura locale a cura dell'associazione PAROLE & MUSICA onlus.

mercoledì 13 settembre 2017

Farmacia dell'Ospedale in festa

Paolo Salzotto
Il principio è semplice: «Voglio ringraziare il paese che mi ha accolto 20 anni fa». Il paese in questione è, ovviamente, Leinì. A dirlo, Paolo Salzotto. Dottore. Titolare della farmacia dell’Ospedale. In cui ha fatto il suo ingresso proprio 20 anni fa, subentrando ad una figura storica come la dottoressa Maria Parigi Racca. E come ringraziare il paese e, nello stesso tempo, celebrare l’anniversario? Facile. Con una festa. Una grande festa in programma per sabato 16 settembre, a partire dalle 20.30, in piazza Vittorio Emanuele. Protagonisti della serata, presentata da Bruno Prestia, saranno Marco e Mauro, con i loro numeri di cabaret, la musica di Giorgia Bertolino e le esibizioni di danza del ventre e di can can della Antonella Dance School.
Ma come è cambiata Leinì in questi venti anni, dal punto di vista di un farmacista? E come è cambiata la professione? «Ho visto cambiare Leinì profondamente - racconta - Era un paesone, ora è quasi una città ma che conserva ancora i tratti affettuosi del paese. I leinicesi mi hanno accolto bene venti anni fa, e io ho cercato di ricambiare. E anche la mia professione è cambiata. È cambiata per colpa di una burocrazia soffocante, ma il piacere di aiutare le persone è rimasto immutato». Venti anni di fatiche ma anche di soddisfazioni. Di incontri ravvicinati con la malattia, con la sofferenza. Di episodi belli, drammatici, ma comunque sempre umani. «Tra i tanti che hanno costellato la mia vita professionale - conclude - ricordo una sera piovosa e dei pannoloni da consegnare in una casa spersa al fondo di una via in frazione Tedeschi ad una anziana che quasi si mise a piangere, e che mi volle regalare le sue due ultime arance».