Periodico di vita e cultura locale a cura dell'associazione PAROLE & MUSICA onlus.

domenica 22 ottobre 2017

Mappano Municipio o Comune?



Non è solo una questione semantica. E' sostanziale. La scritta apparsa sulla vetrata dell'edificio di piazza don Amerano, già sede del Cim, riporta da questa mattina la scritta a caratteri cubitali "Comune di Mappano". Va bene che il desiderio espresso dai cittadini di veder modificati i cartelli stradali è più che mai forte e motivata. Va bene che a distanza di quasi cinque mesi ancora non si è potuto accontentare chi non desidera altro che vedere, arrivando a Mappano, la scritta "Mappano" senza quel fastidioso, almeno per molti, "frazione di...". Va bene tutto.  Eccetto quella scritta sull'edificio di piazza don Amerano, realizzata artigianalmente in A4 lettera per lettera. E, non è pignoleria. Ora per far capire perchè questa non è solo una disputa semantica, che nasconde pruriti inconfessabili, riveliamo l'arcano offrendo due definizioni da vocabolario. "Il Comune è un ente territoriale di base, dotato di una certa autonomia amministrativa, dedicato agli interessi della popolazione locale. E' definito per le sue caratteristiche di centro abitato in cui si svolge la vita sociale pubblica dei suoi abitanti". Il Comune, insomma, è l'ente. L'istituzione. "Il municipio è l'edificio destinato ad essere sede degli uffici amministrativi comunali, nonchè dell'aula per le sedute del Consiglio comunale". L'edificio. Quello di don Amerano è l'edificio, quindi il municipio. D'altra parte per avere conferma basta fare un giro nei paesi limitrofi: mai sull'edificio che ospita l'ente Comune c'è scritto appunto Comune, ma sempre municipio. Onore, per carità agli amministratori mappanesi, che hanno voluto dare un contentino alla popolazione  ed identificare quel edificio, ma le parole hanno un significato che va rispettato.