Periodico di vita e cultura locale a cura dell'associazione PAROLE & MUSICA onlus.

giovedì 14 dicembre 2017

A Volpiano la commemorazione dei carabinieri che 19 anni fa persero la vita



Era una terribile giornata di nebbia fitta quel 14 dicembre di 19 anni fa. Dal nucleo elicotteristi dei carabinieri di Volpiano partiì comunque un elicottero che subito dopo si schiantò al suolo.
Oggi pomeriggio, giovedì 14 dicembre, a Volpiano, alla presenza del Comandante generale dell’Arma dei carabinieri Tullio Del Sette e del sindaco Emanuele De Zuanne, si è tenuta la cerimonia in ricordo di quegli uomini dell'Arma che nello schianto persero la vita  il generale Franco Romano, il tenente colonnello Paolo Cattalini e i marescialli Gennaro Amiranda e Giovanni Monda.
Dopo la deposizione di una corona d’alloro al monumento eretto a poche decine di metri dal luogo della tragedia, in via Brandizzo, il sindaco De Zuanne ha ricordato che  "tra la città di Volpiano e i carabinieri esiste un solido legame che dura da due secoli, con momenti di gioia e di dolore". Dinanzi ai familiari dei carabinieri caduti, il generale Del Sette, all’epoca dell’incidente comandante provinciale a Torino, ha ricordato il "grande dolore" di quei giorni e, allo stesso tempo, la "manifestazione di affetto e di considerazione molto profonda" espressa dal territorio nei confronti dell’Arma, che portò a una sottoscrizione spontanea per la realizzazione del monumento di via Brandizzo, a poca distanza alla sede del Nucleo elicotteri. "La dimostrazione - ha concluso Del Sette - che le radici ideali e valoriali dell’Arma dei carabinieri sono qui in Piemonte".