Periodico di vita e cultura locale a cura dell'associazione PAROLE & MUSICA onlus.

giovedì 18 gennaio 2018

Caselle Pascolo abusivo. Tre denunciati

L'intervento dei carabinieri di Leini in via Vanicola e via Lavoresco
Avevano addirittura recintato il terreno, un appezzamento in via Vanicola e via Lavoresco  tra Caselle e Leini, poco prima della borgata Sant'Anna, su cui far pascolare i circa mille capi ovini.  Ieri sera a Caselle, sono intervenuti i carabinieri di Leini, in collaborazione con la polizia municipale, per ordinare lo sgombero. Tre persone sono state denunciate  per introduzione o abbandono di animali nel fondo altrui e pascolo abusivo. Tre pastori, padre e figlio italiani, di 64 e 38 anni, e un loro dipendente romeno di 31 anni. I tre permettevano di far pascolare abusivamente il proprio gregge senza il rilascio delle relative autorizzazione da parte rispettivi proprietari. È stato anche richiesto l’intervento dei veterinari dell’ASL TO4 per la presenza di  5 ovini morti su citati terreni. Gli animali sono stati rimossi per il successivo smaltimento. E' da qualche giorno che il numerosissimo gregge sta transitando nella zona. Dopo aver percorso via Ca' Nuova a Mappano, il gregge si è diretto verso Caselle e dopo aver pascolato per qualche giono su alcuni terreni situati in strada Mappano, si è diretto a Caselle, dove sono poi intervenuti i carabinieri. I due italiani denunciati sono Romano e Daniele Bergero, padre e fratello di Piero, in carcere da ottobre con l'accusa di aver ammazzato a bastonate Doru Constantin Olaru di 28 anni e Costel Cornel Calinciuc, 38 anni, due pastori rumeni, nelle campagne di Casterosso di Chivasso, dove le vittime custodivano un migliaio di pecore dell'allevatore valsusino Franco Pognant. Il rumeno che era con loro, anch'egli denunciato, identificato come conduttore del gregge, non è risultato dipendente dell'azienda agricola, ed è quindi partita anche una segnalazione all'Ispettorato del Lavoro.


Il transito del gregge a Mappano