Periodico di vita e cultura locale a cura dell'associazione PAROLE & MUSICA onlus.

martedì 2 gennaio 2018

Raccolta differenziata oltre il 50 % per Borgaro, Caselle e Leinì ancora lontani dall’essere ricicloni! I dati parziali del 2017 confermano questa tendenza.




Raccolta differenziata oltre il 50 % per Borgaro, Caselle e Leinì ancora lontani dall’essere ricicloni! I dati parziali del 2017 confermano questa tendenza.
Oltre il 50 % la raccolta differenziata nel 2017 nei comuni del nostro territorio questo il dato parziale che si può evincere dai dati pubblicati da SETA per i primi nove mesi del l’anno appena passato. Un dato che rimarchiamo non è globale ma che lanci dei segnali positivi per la raccolta differenziata e per l’impegno delle amministrazioni locali e dei cittadini a  incentivare questo tipo di raccolta. Entriamo nei dati iniziando in ordine alfabetico da Borgaro dove la raccolta differenziata è il 53,45 % pari a 2.257.321 di kg , dove la frazione organica è di 680.530 kg,  il vetro  369.216 kg, carta 328.100 kg, gli ingombranti 216.159 kg, ingombranti plastica 195.510 kg e gli sfalci e ramaglie 172.753 kg . A Caselle il dato in percentuale generale della RD è il 51,81 % , la frazione organica è quasi il doppio di quella di Borgaro con 1.186.490  , il vetro 393.865 kg , carta 475,420, gli ingombranti 113,409 kg, ingombranti plastica 247.320 kg  e gli sfalci  ramaglie 219,229 kg . Veniamo a Leini dove c’è il dato generale più alto con il 54,42 % dei tre comuni  dove la frazione organica è di 797.770 , gli ingombranti 147.781, la carta 910,430 kg ( due volte di più di quella di Borgaro e quasi il doppio di quella di Caselle) , ingombranti  plastica 323.940 kg e gli sfalci ramaglie 201.678 kg. Sono dati che per quanto riguarda tutti e tre comuni hanno il dato almeno fino a giugno della realtà di Mappano, sarà interessante verificare il dato mappanese dall’inizio del 2018. Non abbiamo poi dato tutti i dati voce per voce che sono in totale 30 ma quelle più rilevanti . Poi c’è il dato per numero di abitanti da rilevare dove il dato qui completo tra raccolta dei rifiuti solidi urbani e raccolta differenziata più alto spetta a Leini con 363,4 kg per abitante, Borgaro ha un dato di 312 kg e Caselle 298,7 kg .  In generale comunque molto c’è ancora da lavorare per arrivare agli obbiettivi del 65 % Un Piemonte che certo non brilla sul fronte della riduzione dei rifiuti e della raccolta differenziata. Secondo i dati presentati da Legambiente nel dossier Comuni Ricicloni Piemonte 2017 sono soltanto 13 i Comuni Rifiuti Free che, oltre ad aver raggiunto il 65% di RD, producono meno di 75 kg pro capite l’anno di rifiuti indifferenziati. Ma a preoccupare l’associazione ambientalista è anche l’esigua percentuale di Comuni che superano il 65% di raccolta differenziata previsto per legge: appena 242 su 1202, poco più del 20% del totale.