Periodico di vita e cultura locale a cura dell'associazione PAROLE & MUSICA onlus.

giovedì 1 febbraio 2018

Leini, volontari della Croce Rossa in udienza dal Papa

Undici volontari della Croce Rossa Italiana del Comitato di Leini, venerdì 26, si sono recati, con il treno, nella città del Vaticano. Il motivo? Incontrare il Papa. Alla Regione Piemonte erano stati riservati trecento posti per poter partecipare all'udienza privata con il Papa. Le iscrizioni dovevano pervenire entro il 9 dicembre 2017. Il Papa ha accolto, sabato 27 gennaio, i 6.500 volontari presenti con grande entusiasmo e,  al termine dell'udienza, ha salutato gli infermi presenti in sala. Nove volontari sono ripartiti sabato sera, mentre due hanno partecipato all'Assemblea Nazionale per discutere di alcune modifiche da apportare allo statuto della Cri e delle novità amministrative, gestionali e organizzative riguardanti la normativa sul Terzo Settore. Il presidente della Croce Rossa leinicese, Francesco Squillace, ha affermato: «Durante l’incontro una cosa che mi ha veramente fatto piacere è stato il richiamo del Pontefice agli ideali della Croce Rossa, ai principi che sono la bandiera del nostro movimento. Tra i tanti la neutralità, che ci distingue da qualsiasi altra associazione di volontariato, e l’imparzialità, che ci “accomuna” al Samaritano descritto nel Vangelo. Vicini alle ideologie della Chiesa, ma nel pieno della nostra laicità condividiamo un ruolo importante con il principio di umanità! L’essere umano viene sempre prima di qualsiasi altra cosa. È stato un incontro che verrà ricordato per molto tempo, unico nel suo genere. La cosa più bella è stato vedere piazza San Pietro invasa da divise rosse, migliaia di volontari insieme per uno degli eventi che sicuramente ha lasciato in tutti un’emozione unica». La Croce Rossa riconosce la figura del Papa nel sociale perché ricopre i principi della Croce Rossa e non fa distinzione in campo religioso. 
                                                                                                                                       Flavia Sandrone