Periodico di vita e cultura locale a cura dell'associazione PAROLE & MUSICA onlus.

lunedì 5 marzo 2018

Caselle 365 giorni Donna




Vuol essere una riflessione sul ruolo delle donne nella nostra società attuale. Ma, una riflessione di questo genere non può essere confinata ad un solo giorno dell'anno,
Angela Grimaldi
per poi dimenticarsene. Per metterla nel cassetto fino all'anno successivo. Ecco perchè l'assessorato alle pari opportunità del Comune, in collaborazione con associazioni ed enti del territorio, ha scelto, per celebrare l'8 marzo, la cosiddetta "Festa della donna" ha scelto di creare un vero e proprio calendario - dal significativo titolo "365 giorni donna"-  di iniziative ed eventi dedicati alle tematiche di genere. Si inizia proprio giovedì 8 marzo alle 18,30 al campo sportivo di via Alle Fabbriche 127 con "Pallone rosa" una partita di calcio a 5 femminile per la categoria esordienti. Domenica 11 marzo alle 20,45 in sala Cervi sono di scena i Pupi della compagnia "Le calze braghe" con "Teresa", storia di una staffetta partigiana. Mercoledì 21 marzo alle 20,45 in sala consigliare "In punta di piedi" cineforum su donne e mafia, quando lo sport può cambiare la vita. Venerdì 23 marzo alle 20,45, sempre in sala consigliare "Questione di genere" incontro su donna, economia e finanza. Domenica 25 marzo alle 16 al Pratofiera, "Diversamentefisiche", inaugurazione  della palestra a cielo aperto. Venerdì 13 aprile alle 20,45 in sala consigliare "PoliticaMente", uno sguardo alla rappresentanza di genere nelle assemblee elettive. "Un primo cambio di marcia si inizia ad avvertire - spiega l'assessora Angela Grimaldi -. Laddove il significato dell'istituzione di questa giornata era stato svuotato trasformandolo in un giorno di festa in cui consumare un momento conviviale al femminile, piuttosto che assistere ad uno spogliarello maschile, ecco apparire in più contesti serate a tema. Segno che seppur lentamente la voglia ed il sentimento di restituire dignità al ruolo femminile è insito. C'è ancora molta strada da fare e preconcetti da abbattere, ma siamo fiduciose". 
L’8 marzo di ogni anno si celebra questa festa o, più correttamente,  la Giornata Internazionale della DonnaL’8 marzo deve essere dedicato al riconoscimento delle lotte che sono state portate avanti dalle donne e alle loro conquiste sul piano dei diritti, dell’economia e della politica contro le discriminazioni e le violenze di cui, ancora oggi, sono vittime in molte parti del mondo. Questa data non può assolutamente ridursi ad una cena tra amiche o a qualsivoglia indignitoso spettacolo. La storia di quest agiornata affonda le sue radici all’inizio del ‘900. Esattamente nel 1911,  quando a New York una grave tragedia colpì una fabbrica di abbigliamento che andò a fuoco: e 123 donne persero la vita. Fu solo, però, nel 1917, quando le donne russe di San Pietroburgo scesero in piazza per chiedere la fine della guerra, che si fissò all’8 marzo la vera Festa della Donna. "Abbiamo così voluto concepire un cartellone - conclude Grimaldi - di eventi ed appuntamenti che cogliesse più aspetti e respiri del genere femminile".