Periodico di vita e cultura locale a cura dell'associazione PAROLE & MUSICA onlus.

giovedì 29 marzo 2018

Caselle, Al via "Cittadini digitali", ovvero come usare la rete senza rischi e in maniera consapevole.



Inutile negarlo. Internet e il web in particolare, fanno ormai parte non solo della nostra vita, ma anche dei nostri figli. Adolescenti e bambini utilizzano lo smartphone e navigano. Internet ormai, per tutti, è un mondo parallelo. Uno strumento, da una parte meraviglioso che ci interconnette con il mondo, e dall'altra con non pochi rischi e pericoli che è possibile evitare seguendo i consigli preziosi della Polizia Postale. E' questa la ragione dell'iniziativa, messa in campo dal Comune di Caselle, "Cittadini digitali" che ieri, mercoledì 28 marzo ha esordito con l'incontro con l'ispettore Sandro De Vecchis.  Durante il pomeriggio aperto dall'assessora, Erica Santoro, De Vecchis ha focalizzato principalmente la sua attenzione sui rischi per i minori: dall'adescamento al cyberbullismo. I ragazzi sono sempre più dipendenti dalla rete e i genitori spesso sono ignari. De Vecchis ha spiegato i rischi che corrono i ragazzi, ma anche i reati di cui possono essere accusati dopo il compimento dei 14 anni. Essere informati aiuta a non commettere errori e soprattutto a non diventare vittime di pedofili e malintenzionati, ma anche ad isolare i cyberbulli. Essee consapevoli fa sì che si possano evitare spoiacevoli effetti collaterali.