Periodico di vita e cultura locale a cura dell'associazione PAROLE & MUSICA onlus.

sabato 24 marzo 2018

Mappano, Un progetto di piste ciclabili per collegare il territorio al capolinea del 4 e al liceo "Giordano Bruno"



Massimo Tornabene
Da Mappano al liceo "Giordano Bruno" di Torino in bicicletta.  Un sogno per gli studenti mappanesi che frequentano l'istituto torinese, costretti quotidianmente a fare i conti con il pullman di linea 46 e i suoi continui ritardi. Un sogno anche per molti pendolari che lavorano a Torino, perchè il "Giordano Bruno" è proprio ad un tiro di schioppo dalla stazione ferroviaria Stura. Un sogno che potrebbe realizzarsi dal momento che il Comune di Mappano partecipa al bando della Regione "Percorsi ciclabili sicuri” che concede finanziamenti per "la realizzazione di piste e percorsi ciclabili, che rivestano un carattere sovra-comunale, funzionali alla mobilità sistematica, al pendolarismo e ai servizi di nodi di interesse collettivo e che mettano in collegamento le stazioni/fermate ferroviarie e/o del Trasporto Pubblico Locale”“Abbiamo predisposto un progetto che si propone di favorire, attraverso l’uso della bicicletta spiega l'assessore ai lavori pubblici, Massimo Tornabene - la connessione con i due mezzi di trasporto pubblico che meglio favoriscono il raggiungimento del capoluogo, il capolinea della linea tramviaria 4 e la Stazione ferroviaria di Torino Stura. La letteratura sulla mobilità ci insegna che per spostamenti entro la distanza di 5 km la bicicletta è il mezzo di trasporto più competitivo e la soluzione che abbiamo proposto pemetterà ai pendolari diretti alla Stazione o agli studenti diretti al Liceo Giordano Bruno di percorrere quel tragitto in totale sicurezza. Inoltre il tragitto consente di collegare diverse mete quotidiane che coprono ogni fascia di utenza, dalle scuole agli esercizi commerciali, dalle aziende al principale polmone verde di Mappano”.
Il progetto, redatto da Danilo Rebesco, prevede il riordino della pista ciclabile che collega via Marconi con via Borgaro, la connessione con via Tibaldi e l’innesto, all’altezza di via Torazza, con via Rivarolo. Il tracciato prosegue poi in via Galilei, attraversa il Parco Unione Europea per poi rientrare sulla provinciale all’altezza dell'innesto con la tangenziale. Qui la pista attraversa il cavalcavia della Falchera (le cui carreggiate, attualmente due per senso di marcia, verrebbero ridotte) per poi immettersi dentro il quartiere torinese e collegarsi con il capolinea del tram, la stazione ferroviaria e da li il Liceo Giordano Bruno.
“La nostra proposta ha ottenuto anche il sostegno della Fiab, la Federazione italiana degli amici della biciletta - conclude Tornabene - con la quale abbiamo condiviso la volontà di incentivare la mobilità sostenibile, anche in un’ottica di riduzione dell’inquinamento e con un occhio di riguardo alla sicurezza stradale per le fasce deboli. Realizzato questo primo tracciato, affronteremo il tema del collegamento a nord, con Leinì, per permettere anche ai ciclisti di quel Comune di beneficiare di questo percorso. Ci auguriamo che la Regione accolga con favore la nostra proposta e ci consenta di ottenere il contributo che permetterà di coprire il 60% dei costi previsti ”.