Periodico di vita e cultura locale a cura dell'associazione PAROLE & MUSICA onlus.

lunedì 26 marzo 2018

Mappano, Vandalismo, disturbo della quiete pubblica, parcheggi abusivi. Insorge l'opposizione e chiede risposte




Che avrebbe finito per scatenarsi il pandemonio era un facile pronostico. Già perché l’assenza di controllo sul territorio non poteva che portare ad una pungente interrogazione delle opposizioni. Tutti insieme questa volta, senza distinguo. L’ennesimo atto vandalico sul territorio ora richiede risposte precise. Così Valter Campioni, Federica Marchese, Roberto Tonini e Luigi Gennaro hanno preso carta e penna e ora vorrebbero risposte. Nella loro interrogazione scrivono: “la Convenzione tra i comuni di Caselle e Borgaro, per il servizio associato di Polizia Municipale nella frazione Mappano a decorrere dal 1 gennaio 2016 prevedeva n° 1 ufficiale proveniente da Caselle, in qualità di responsabile/coordinatore (35 ore settimanali); 1 agente di Borgaro (35 ore settimanali) e Caselle si impegnava a garantire la presenza sul territorio (tramite un agente o una pattuglia a discrezione del comandante) per ulteriori 18 ore settimanali, e comunque in modo funzionale a
garantire le esigenze sul territorio. Il servizio veniva svolto cinque giorni a settimana (dal lunedì al venerdì) nella fascia oraria 7 -20. Inoltre era previsto l’apertura di uno sportello al pubblico per tre
giorni a settimana con orario:  lunedì dalle 18 alle 19.30, martedì dalle 12 alle 13, mercoledì dalle 7.15 alle 8.30”. Ma, questo accadeva nel passato, oggi la situazione è ben diversa. “A seguito della scelta di non voler più usufruire del servizio svolto dal precedente responsabile/coordinatore – proseguono le opposizioni - la cui funzione in pianta organica con le rispettive risorse non è stata più prevista, non esiste più sul territorio un comando di Polizia Locale”. O meglio esiste un comandante in convenzione con Volpiano, neppure dotato di un auto di servizio che fa letteralmente i salti mortali. Esistono alcuni agenti provenienti da Volpiano e Balangero per qualche ora la settimana. “L’utilizzo mediante convenzione di personale in servizio nei comuni di Volpiano e Balangero – spiegano ancora i quattro consiglieri di opposizione - non rispetta chiaramente il principio di invarianza di spesa enunciato dal dispositivo della Corte dei Conti”. E, in qualche modo neppure quanto dice la delibera della Città Metropolitana che parla di mobilità del personale o convenzione con i Comuni cedenti. Volpiano e Balangero di certo cedenti non lo sono. Conclude l’opposizione: “con la scelta fatta il 9 agosto scorso il Sindaco ha rinunciato al Comando di Polizia Locale ed al Commissario di Polizia Locale con la conseguenza di un incremento degli illeciti, dagli atti vandalici al disturbo della quiete pubblica, ai parcheggi abusivi ed incontrollati nel Parco Unione Europea, dovuti alla carenza di controllo del territorio”. Ora le domande che sorgono spontanee e riportate nell’interpellanza sono Quante e che tipo di sanzioni sono state emesse nel 2018? Quali sono gli orari di presidio del territorio? Quali sono gli orari di apertura dello sportello al pubblico?