Periodico di vita e cultura locale a cura dell'associazione PAROLE & MUSICA onlus.

venerdì 23 marzo 2018

Volpiano - Contributi comunali per affrontare l'emergenza abitativa. Interventi per rendere disponibili nuovi alloggi e revocare gli sfratti


Il Servizio socio-assistenziale del Comune di Volpiano informa che è possibile usufruire del bando per l'«emergenza abitativa»; tramite questa iniziativa l'amministrazione intende «reperire alloggi da concedere in locazione» e informare i proprietari che hanno avviato azioni di sfratto della possibilità di ricevere un contributoin caso di revoca dell'azione.«Purtroppo - sottolinea Irene Berardo,
Irene Berardo
assessora alla Casa del Comune di Volpiano - l'emergenza abitativa sul nostro territorio è continua; questa iniziativa prova a dare una risposta alle persone in difficoltà». Le misure sono indirizzate a
 nuclei familiarisottoposti a procedure di sfratto o esecuzione immobiliare (con minori o disabili), in possesso di una situazione economica difficile, determinata in base all'indicatore Isee.L'intervento prevede tre possibilità per l'assegnazione dei contributi: in caso di ritiro della procedura di sfratto da parte della proprietà, con l'impegno a non riavviarla per almeno due anni, finalizzato a sanare le posizione pregresse, per un importo massimo di 3.500 euro; la stipula di un nuovo contratto di locazione in regime privatistico (contributo "una tantum" massimo 3.500 euro); in caso di famiglie prive di reddito sufficiente a pagare un affitto, con il pagamento da parte dell'ente pubblico del 90 per cento dell'importo del canone, fino a un massimo di 5mila euro all'anno e per massimo2 anni (in quest'ultimo caso è necessario sottoscrivere un accordo tra Comune, proprietario e inquilino).Per partecipare al bando i proprietari devono rendere disponibile un alloggio, dicategoria A2 o A3 e di una superficie compresa tra 50 e 80 metri quadrati, prevedendo un canone massimo di 6 euro al metro quadrato per gli alloggi con riscaldamento autonomo e di 5,30 per i riscaldamenti centralizzati. Per quanto riguarda, invece, le procedure di sfratto, il proprietario deve indicare la disponibilità a revocare l'azione qualora venga sanata la morosità contestata. Ricordiamo anche che per Per residenti o lavoratori a Volpiano, Leinì, Lombardore, San Benigno Canavese, Settimo TorineseIl Comune di Volpiano ha indetto il bando per la formazione della graduatoria per l'assegnazione degli alloggi di edilizia sociale; le domande possono essere presentate da giovedì 22 marzo a venerdì 11 maggio, utilizzando esclusivamente i moduli in distribuzione all'Ufficio Casa e all'Urp (piazza Vittorio Emanuele II, orari lunedì 10-13, martedì e venerdì 9-12, giovedì 10-13 e 16.30-18.30), oppure scaricabili dal sitowww.comunevolpiano.to.it.Per partecipare al bando è necessario, tra l'altro, non essere proprietari di alloggi, non avere avuto una precedente assegnazione in proprietà di alloggio realizzato con contributo pubblico, che nessun componente del nucleo sia assegnatario di alloggio di edilizia sociale nel territorio regionale, non essere occupante senza titolo di un alloggio di edilizia sociale, non essere decaduto dall'assegnazione di alloggio a seguito di morosità (salvo che il debito sia stato estinto prima della presentazione della domanda), avere un Isee non superiore a 21.043,41 euro; tali requisiti devono essere posseduti da ciascun componente del nucleo del richiedente. È inoltre necessario essere residenti o prestare attività lavorativa da almeno tre anni a Volpiano o nei comuni di Leinì, Lombardore, San Benigno Canavese, Settimo Torinese.Terminata la fase di presentazione delle domande, l'Ufficio Casa del Comune di Volpiano provvede all'istruttoria e alla trasmissione alla Commissione assegnazione alloggi per la formazione della graduatoria, pubblicata sull'Albo pretorio del Comune; non vengono inviate comunicazioni a mezzo posta. La graduatoria per l'assegnazione degli alloggi di edilizia sociale si forma ogni quattro anni; quella in vigore è stata approvata nel 2014. A Volpiano sono presenti 127 alloggi di edilizia sociale, 118 gestiti da Atc e 9 dal Comune.