Periodico di vita e cultura locale a cura dell'associazione PAROLE & MUSICA onlus.

domenica 22 aprile 2018

A Caselle e Mappano protagonista la lettura per la "Giornata Mondiale del libro"

L'albero dei libri a Caselle
"Chi non legge, a 70 anni avrà vissuto una sola vita: la propria!
Il Flash Book a Mappano
Chi legge avrà vissuto 5000 anni: c’era quando Caino uccise Abele, quando Renzo sposò Lucia, quando Leopardi ammirava l’infinito… perché la lettura è una immortalità all’indietro" 
(Umberto Eco)
Un libro è un giardino che puoi custodire in tasca recita un antico e saggio proverbio arabo. Ecco perchè leggere è così importante. Tanto importante da indurre l'amministrazione di Caselle e Mappano a celebrare con il massimo onore, ieri, sabato 21 aprile, la "Giornata mondiale del libro". A Caselle sotto un albero coloratissmo di fior di carta sono stati "liberati" 300 volumi destinati ai bambini, ai giovani adulti e agli adulti. Tutti rigorosamente incartati da carta di giornale e con tanto di dedica per chi lo ha ricevuto. A Mappano i libri sono stati posizionati in piazza affinchè chiunche potesse prenderli con in dono una splendida rosa a segnalibro di carta e alle 17 al suono di una campanella in molti si sono presentati con il loro libro preferito in mano per leggerne ad alta voce una pagina. 
Il sindaco Francesco Grassi con un gruppo di piccoli lettori
La "Giornata Mondiale del libro e del diritto d'autore" è un evento patrocinato dall’Unesco per promuovere la lettura e la pubblicazione dei libri, ma anche la protezione della proprietà intellettuale attraverso il copyright, cioè il diritto d’autore. L’obiettivo è scoprire il piacere della lettura e valorizzare il contributo che gli autori forniscono al progresso sociale e culturale dell’umanità.  
La prima edizione si è tenuta nel 1996 a seguito di una risoluzione dell’Unesco (l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’educazione, la scienza e la cultura). Da allora viene istituita ogni anno il 23 aprile con numerose manifestazioni che si tengono in tutto il mondo. Con questa giornata l’Unesco vuole rendere omaggio al libro come strumento di educazione e confronto, ma anche far riflettere sulla situazione degli autori e dell’editoria, evidenziandone prospettive e problemi.
Non è un avvenimento meramente simbolico, ma un’occasione per sottolineare l’importanza del libro nella nostra vita. Un’opportunità, soprattutto in tempo di crisi, per ribadire che la promozione della lettura come concreta opportunità per la crescita economica e lo sviluppo della democrazia.