Periodico di vita e cultura locale a cura dell'associazione PAROLE & MUSICA onlus.

domenica 1 aprile 2018

Dalla Don Bosco Caselle alla Nazionale



La sua passione è il calcio a 5. Il suo regno è la fascia. Le sue magliette sono quella della L84 di Volpiano e quella della nazionale. Il suo sogno? Tenere quella maglietta azzurra sulle spalle il più a lungo possibile. Almeno fino a quando la nazionale italiana parteciperà, ad ottobre, alle olimpiadi giovanili in programma a Buenos Aires.
Luca Astegiano, 17 anni, studente al quarto anno del liceo scientifico di Ciriè, ha iniziato
a prendere a pedate il pallone al tempo delle elementari, con i colori della Polisportiva Don Bosco Caselle. Dopo qualche anno, grazie ad alcuni amici che avevano abbracciato questa disciplina, si avvicina al calcio a 5, sempre nella Polisportiva casellese. Nel 2017 il passaggio di categoria: approda a suon di prestazioni eccellenti nella società volpianese, una delle più forti della zona. Talmente forte che, anche se il campionato di serie B non è ancora finito, sotto la guida dell’allenatore Rodrigo De Lima ha già messo in archivio la pratica, vincendolo con diverse giornate di anticipo ed approdando in A2. Luca, intanto, conquista anche la terza piazza del campionato regionale Juniores, approda nella Under 19 e fa il suo esordio in serie B. «E poi, qualche settimana fa, la convocazione in nazionale - spiega - Dal 5 all’11 marzo ho partecipato al mio primo ritiro azzurro. Un’esperienza impegnativa, intensa e molto importante per me. E tra qualche settimana parteciperò, sempre con gli azzurri, ad un torneo a Gradisca, in Friuli, al quale prenderanno parte anche Francia, Ungheria e Slovenia». E poi, ad ottobre, l’appuntamento in Argentina. Al quale Luca vuole assolutamente partecipare. Non solo, ma esserne protagonista.