Periodico di vita e cultura locale a cura dell'associazione PAROLE & MUSICA onlus.

sabato 19 maggio 2018

Caselle - Mille papaveri rossi: un''interessante mostra allestita dall'associazione AEGIS

L'associazione AEGIS
"Dormi sepolto in un campo di grano, non è la rosa non è il tulipano che ti fan
Giacomo Carlo Guglielmetti

veglia dall’ombra dei fossi, ma son mille papaveri rossi". Sono le parole della celebre canzone di Fabrizio De Andrè "La guerra di Piero" che ricorda i morti sui campi della prima Guerra Mondiale. I papaverii primi fiori a sbocciare nei campi di battaglia a simboleggiare le giovani vite cadute per la libertà. Un momento toccante l'esecuzione della canzone da parte del maestro Nono Carriglio, dopo l'altrettante toccante testimonianza del cavalier Giacomo Carlo Guglielmetti, presidente regionale dei Combattenti e Reduci che ha voluto raccontare la storia di suo padre e dei suoi zii in quell'inferno delle trincee. E, poi ancora l'intervento dello storico Gianfranco Tappero a narrare una vicenda storica a 100 anni dalla sua coclusione. Tutto ciò grazie all'associazione AEGIS, un gruppo di giovani che ha deciso di mettere le sue energie e l'impegno nella cultura. Una scelta tutt'altro che facile, dal momento che oggi la cultura non è di moda. Ma, questi giovani sono temerari, continuano a seminare e ne siamo certi che un giorno raccoglieranno il frutto del loro impegno. Oggi, sabato 19 maggio, nella sede degli Alpini in via Bona è stata anche inaugurata una mostra di documenti, immagini, reperti storici, poesie, testi e pagine di diari davvero interessanti che tutti dovrebbero vedere, non fosse altro che per imparare qualcosa. Fare memoria di un passato senza il quale non è possibile costruire il futuro. L'esposizione rimarrà aperta fino al 27 maggio con orario  9/12 - 15/18.

Il presidente Aegis Davide Vottero

Il numeroso pubblico che ha assistito all'incontro



Il maestro Nino Carriglio

Lo storico Gianfranco Tappero