Periodico di vita e cultura locale a cura dell'associazione PAROLE & MUSICA onlus.

giovedì 14 giugno 2018

Borgaro - 54 anni il 14 giugno 1964: la nuova bandiera della Società Operaia Agricola di Mutuo Soccorso

Esattamente 54 anni fa, il 14 giugno 1964, la "Società operaia e agricola di mutuo soccorso" viveva uno dei suoi momenti storici: l'inaugurazione della nuova bandiera. Quella che avrebbe preso il posto del vessillo che, 95 anni prima, aveva tenuto a battesimo la seocietà, e che accusava ormai i tanti anni di onorato servizio. La festa era stata organizzata dall'allora presidente del sodalizio, Giuseppe Bonato, che aveva chiamato a raccolta, in quel di Borgaro, i rappresentanti delle cooperative di Torino e dintorni oltre che tutte le autorità locali, a partire da Lina e Vincenzo Turinetti, padrini benemeriti della bandiera, tutti i soci, vecchi e nuovi, e anche il novantaduenne Battista Cravero, decano di Borgaro.
La bandiera era stata benedetta dall'allora parroco, don Banche, al termine della messa delle 11: nel corso della cerimonia, don Banche aveva sottolineato l'importanza del tricolore. Poi, davanti alla sede del sodalizio, era toccato al presidente Bonato strappare applausi con il suo intervento, rinnovando l'impegno di osservare scrupolosamente lo statuto della società, di difendere il sodalizio da qualunque ingerenza estranea di «sovrapoteri politici» che in passato ne avevano parallizato l'attività, e di ricordare il significato delle bandiere cooperativistiche: due mani che si stendono in un mutuo gesto di intesa e di aiuto a rappresentare «...il programma stesso di questi enti, per cercare l'unione e la collaborazione vicendevole di tutte le classi sociali, in un'atmosfera di mutua comprensione e solidarietà». A chiudere gli interventi, prima dell'immancabile pranzo, l'ospite d'onore: il senatore comunista Ferdinando Vacchetta.

Il senatore Ferdinando Vacchetta