Periodico di vita e cultura locale a cura dell'associazione PAROLE & MUSICA onlus.

martedì 5 giugno 2018

Caselle - Prestito d'onore: poche le restituzioni effettuate dai cittadini che ne hanno usufruito. Il consigliere Fontana chiede spiegazioni

Andrea Fontana
Ottenere un prestito d'onore perchè si è in difficoltà, presuppone poi che l'onore sia al centro dell'agire. Significa un percorso personalizzato di restituzione. Significa restituire alla collettività quello che è stato prestato in un momento di difficoltà o per avviare una nuova piccola attività. Anche Caselle, come tanti altri Comuni in Italia, il prestito d'onore lo ha attivato nel 2010, lo ha sospeso nel 2013 e riattivato in virtù della crisi che da anni massacra le famiglie nel 2015. Trentamila euro erogati a chi ne ha avuto necessità. Ma di questi fondi quanti poi ne sono effettivamente rientrati? "Ben pochi - dice Andrea Fontana del Centro destra - Già in passato avevo chiesto all'amministrazione se avesse messo in atto ualche forma per cautelarsi. Non ho mai ricevuto risposta. Ora presenterò una nuova interrogazione per avere almeno dei numersi su cui basarci". Fontana non è in disaccordo con questo tipo di aiuto, ma è certo che se non viene restituito a soffrirne è tutta la comunità. "E' giusto dare una mano a chi è in difficoltà - prosegue - e le cifre sono irrisorie, ma è una questione di principio. Ci sono tante persone e famiglie in difficoltà, magari qualcuna per dignità non chiede nulla e non è giusto che a chi invece vengono dati dei finanziamenti per migliorare la propria situazione poi non li restituisce e nessuno glieli chieda". In questi anni - fonte amministrazione comunale - di quei prestiti ne sono rientrati per un valore di qualche migliaio di euro che vanno poi a rimpinguare il fondo per l'anno successivo. "Non me ne occupo dpiù da tempo - dice l'assessore al bilancio, Giovanni Isabella - ma è difficile andare a chiedere la restituzione di soldi prestati a chi non ha nulla". Il problema come già annunciato dal consigliere Fontana tornerà presto a far discutere il parlamentino cittadino.