Periodico di vita e cultura locale a cura dell'associazione PAROLE & MUSICA onlus.

mercoledì 13 giugno 2018

Leini/Mappano - Tempi duri per i furbetti del ticket. Sabato scorso multate 60 persone




Tanto va la gatta al lardo.... Pugno di ferro di GTT contro i furbetti del ticket.
Sabato scorso in 60 privi di biglietto sul 46 sono stati sanzionati per un totale di 3mila euro e in 7 sono stati denunciati per detenzione di droga, anche se in modica quantità. Tutto inizia con la segnalazione a GTT di un gruppo di ragazzi che il sabato sera disturbano e molestano gli utenti. Detto fatto: GTT contatta i carabinieri di Leini e decide di controllare sei autobus. Il risultato è sorprendente: su 220 persone controllate ben 60 non hanno il biglietto. Ormai è un'abitudine. Ormai a pagare la corsa del pullmann sono sempre meno persone. E, non solo immigrati. Le persone dotate di senso civico e della consapevolezza che non pagare il biglietto danneggia la finanza pubblica sono sempre meno
“Tutto è partito dalle segnalazioni che ci erano arrivate – fa sapere GTT – e il risultato ottenuto certo non è stato dei più rassicuranti. Non escludiamo altri blitz”.  E, certo è che quello del 46 non è un caso isolato: le linee torinesi ed extraurbane non fanno eccezione. Basta viaggiare un po' sui mezzi pubblici per rendersi conto di cosa accade. Il motivo di questo comportamento incivile, però, è semplice: l’impunità. Perchè pagare se tanto nessuno paga? E, allora che fare in questa situazione, anche per evitare che le società di trasporto finiscano in rosso?  Anche perchè l’autista, giustamente, guida, salita e discesa dei passeggeri è totalmente indisciplinata? Forse basterebbe fare in modo che la salita sia consentita solo nella parte anteriore cosicchè gli autisti possano controllare e magari la discesa effettuata passando attraverso tornelli. A Genova questo sistema sta per entrare in funzione. Forse anche Torino potrebbe pensare di metterlo in atto.