Periodico di vita e cultura locale a cura dell'associazione PAROLE & MUSICA onlus.

martedì 31 luglio 2018

Caselle - Pavimentazione del parcheggio di Prato Fiera da rifare. Un'interrogazione del Movimento 5 Stelle



Andrea Dolfi
Sarà colpa dei giostrai o dei camion. Sta di fatto però, che l'area a parcheggio del Prato Fiera versa in pessime condizioni. Almeno nella zona centrale. A sollevare la questione lunedì sera, con un'interrogazione è stato il consigliere Andrea Dolfi del Movimento 5 Stelle. "La situazione in cui versa la pavimentazione di questa area è drammatica - spiega -. Sono presenti autobloccanti rotti, divelti e traballanti. Inoltre,  non essendo in piano, potrebbe generare con facilità cause di  inciampo dei pedoni in transito, con conseguenti infortuni. Uno degli ultimi interventi riparatori risale ormai a 4 anni fa con la sostituzione di parte degli autobloccanti rotti e rovinati, sarebbe quindi indispensabile un progetto di rifacimento della pavimentazione". E, se non fosse possibile secondo Dolfi serve un monitoraggio costante e anche capire le modalità di eventuali risarcimenti dei danni "che non devono essere in nessun modo - aggiunge - a carico dei cittadini casellesi, come nel caso di danneggiamento di opere pubbliche ove il cittadino è tenuto a risarcire il comune".

Dal raduno montano della Coldiretti arriva forte e chiaro il "no" al Ceta. Roberto Moncalvo: "si rischia di premiare chi produce a costi più bassi e senza rispetto per l'ambiente, i lavoratori e la sicurezza alimentare"



Si è svolto domenica scorsa, 29 luglio, ad Usseaux,  in località Pian dell’Alpe, all’interno del Parco Orsiera Rocciavrè, la 61esima edizione del “Raduno montano”, organizzato dalla Coldiretti Torino.
Gli agricoltori che con le loro famiglie sono arrivati da tutto il torinese per ritrovarsi e
condividere una giornata di festa al fresco delle montagne sono stati 1500.
"Oggi per produrre a prezzi bassi in certi Paesi si stanno creando nuove forme di schiavitù.- ha sottolineato il presidente nazionale della più grande associazione di agricoltori, Roberto Moncalvo -. Qualcuno pensava che la globalizzazione avrebbe risolto gran parte dei problemi invece oggi vediamo che non è così. Cambiare rotta è possibile. Stiamo provando a farlo opponendoci all’accordo Ceta con il Canada. Un trattato che vuole fare da apripista per tanti altri che non convengono al nostro Paese e alla nostra agricoltura. Se non avremo il coraggio di dire "no" al Ceta rischiamo di premiare chi produce a costi più bassi senza rispetto per l’ambiente, i lavoratori agricoli e la sicurezza alimentare. Sul no al Ceta oggi abbiano già raccolto la solidarietà di centinaia di Comuni, di 15 regioni italiane e la promessa del Governo di non ratificare questo accordo". All'iniziativa di domenica   hanno partecipato anche l'assessore egionale all'agricoltura, Giorgio Ferrero, il presidente provinciale di Coldiretti Fabrizio Galliati e il direttore della federazione torinese Michele Mellano.



Dalla Regione un aiuto per favorire il rilancio delle imprese in difficoltà

Sostenere la competitività delle imprese, favorendo il rilancio delle attività
Gianna Pentenero
e garantendo la tutela dei livelli occupazionali. E’ l’obiettivo della delibera, approvata oggi dalla giunta regionale del Piemonte, su proposta dell’assessora al Lavoro Gianna Pentenero, con cui vengono messi a disposizione delle aziende che si trovano in stato di pre-crisi o crisi reversibile (per cui sono presenti difficoltà, ma non mancano i presupposti per la continuità aziendale) 3,9 milioni di euro per finanziare servizi di consulenza specialistica mirati a definire piani industriali di sviluppo e rilancio eazioni specifiche di accompagnamento, anche volte a diversificare la produzione attraverso nuovi prodotti o la trasformazione del processo produttivo.
La misura si rivolge, in particolare, alle imprese dei settori tessile, Ict applicato e lavorazioni meccaniche, maggiormente colpiti dalla crisi, con un numero di dipendenti compreso tra 20 e 50 e alle aziende degli stessi comparti con più di 50 addetti.
In presenza di criticità di natura operativa, finanziaria, gestionale o produttiva, queste possono scegliere di farsi affiancare da consulenti, iscritti a un elenco regionale individuato con avviso pubblico, in grado di guidarle nel superamento della condizione di crisi. Le attività di consulenza possono essere fornite da imprese, o loro consorzi, professionisti iscritti ad ordini professionali e, nel caso dei servizi finalizzati alla diversificazione produttiva, da dottori di ricerca, start up o PMI innovative, Poli di Innovazione istituiti dalla Regione, con esperienza in materia di innovazione di processo o di prodotto. A copertura del 50% delle spese legate a questi servizi la Regione riconosce alle imprese un contributo fino a 70 mila se hanno un numero di dipendenti compreso tra 20 e 50 e fino a 140 mila euro nel caso di aziende con più di 50 occupati. È inoltre prevista una maggiorazione del 10% per le imprese a cui, alla data di presentazione della domanda, sia stato attribuito il rating di legalità (riconoscimento attribuito dall’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni ai sensi del decreto del 20.02.2014 n. 57).
“Il provvedimento – dichiara l’assessora al Lavoro Gianna Pentenero – , finanziato con economie di un precedente bando frutto di convenzione tra ilMinistero del Lavoro e la Regione Piemonte, a cui potranno sommarsi risorse aggiuntive, si propone di salvaguardare quelle attività imprenditoriali che hanno prospettive di crescita e di mercato, tutelando i posti di lavoro e sostenendone, eventualmente, la creazione di nuovi. Le imprese saranno accompagnate, ad esempio, nello sviluppo di strategie di sviluppo per competere nel mercato globale, sviluppare reti di impresa, rafforzare le filiere, ridurre l’esposizione creditizia o accedere al credito per finanziare nuove produzioni, anche a carattere innovativo”.
Le modalità di gestione degli interventi e l’iter per accedere ai contributi saranno indicate in un bando che sarà pubblicato nelle prossime settimane.

Caselle - La lezione di Marchionne sul futuro deve essere un esempio anche per tutti i consiglieri comunali. L'esortazione di Gigi Chiappero

La lezione contro la società dei soli diritti di Sergio Marchionne (l'ad di FCA scomparso
Gigi Chiappero
qualche giorno fa) approda sui banchi di Palazzo Mosca. A citarlo come esempio ed esortazione ai giovani consiglieri, ma a tutti in generale, il consigliere di opposizione, Gigi Chiappero. Un'esortazione a praticare la democrazia e in questo modo a portare un aiuto e un valore aggiunto all'amministrazione per evitare che sindaco e assessori, in realtà poche persone debbano sobbarcarsi tutto il lavoro. Tutto ciò per il bene della comunità che si governa. "Dare la parola ai cittadini è una bella cosa - ma svuota il Consiglio comunale del suo ruolo -. Tutti i consiglieri devono in qualche modo collaborare ed essere proprio loro a raccogliere le eventuali criticità. Ad un anno dalle elezioni non ho mai sentito la loro voce e così non va bene. I cittadini poi hanno il diritto di assistere alle sedute e convocarle alle 18 non è un buon modo per invitarli a farlo". Il sindaco Lua Baracco pur condividendo la lezione di Marchionne ha sottolineato l'importanza dei consiglieri a partecipare alle commissioni (spesso invece disertate) "vero luogo di lavoro".
Ma, cosa ha detto Marchionne nel suo celebre discorso? Ha contestato il periodo dei "contestatori", quel '68 nato da spinte "condivisibili" ma che ha di fatto trasformato l'Italia e il mondo occidentale nel regno dei diritti senza i doveri. L'ex ad di Fca,  ammetteva di non essere né uno storico né un sociologo, ma di avere abbastanza esperienza per osservare il mondo: un atteggiamento lascivo nei confronti del presente stava (e sta) "detonando uno dei pilastri del nostro stare insieme. E' come se si pretendesse di aver diritto ad un domani migliore senza sapere che bisogna saperlo conquistare". Parole che lunedì sera durante la seduta del parlamentino cittadino ha suscitato l'applauso spontaneo del pubblico e degli stessi consiglieri. Anche secondo Chiappero il futuro va conquistato e per farlo serve la partecipazione attiva di tutti.

Leini - Al via la tariffazione puntuale dei rifiuti

Il percorso verso la tariffazione puntuale della raccolta rifiuti è partito. Nei giorni scorsi, infatti, la Seta ha iniziato ad apporre, almeno per quanto riguarda le utenze singole, la targhetta identificativa con un codice a barre sui bidoni neri della raccolta dell’indifferenziato. “Una via dopo l’altra, tutte le strade di Leini, e quindi tutti i cassonetti esposti nei giorni di raccolta, saranno interessate da questo intervento – spiega l’assessore Raffaella Arzenton – Un particolare dispositivo montato sui camion della raccolta sarà in grado di leggere il codice a barre e di registrarlo. Così facendo, quando tutta l’operazione potrà partire, meno svuotamenti saranno effettuati, meno caro sarà il costo della bolletta”. In buona sostanza, più accurata sarà la differenziazione dei rifiuti (carta, plastica, alluminio, vetro e organico, e contando anche sul fatto che gli ingombranti possono essere conferiti gratuitamente all’Ecocentro, o racconti direttamente da Seta contattando il numero verde), minore sarà il materiale da smaltire nell’indifferenziato. Di conseguenze minori saranno gli svuotamenti e maggiore la riduzione che sarà applicata ai cittadini.






lunedì 30 luglio 2018

Leini, l'asd Nei Ching chiude ls stagione sportiva

L’intenso anno sportivo dell’asd Nei Ching, i cui scopi sono lo studio e la diffusione di alcune tra le numerose arti marziali cinesi, è giunto al termine. I corsi si sono tenuti presso le palestre “Il Faro Karate Club” di Leinì, e in quelle della scuole “Viola” di Ciriè e “Avogadro” di Torino. «Gli allievi che hanno raggiunto un’adeguata preparazione, hanno sostenuto gli esami di T'ai Chi Ch’uan e di Shaolin Ch’uan con il maestro Sergio Volpiano, per i passaggi di Chi, livello antecedente la cintura nera, o di Chieh, grado di cintura nera: nello specifico è stato conseguito il 1°. La soddisfazione dei praticanti ha dimostrato che anche nell'ambito sportivo non agonistico è possibile, nonostante l’assenza di spettacolarizzazione rispetto a quello competitivo, ottenere buoni risultati dal punto di vista della crescita psicofisica e della realizzazione personale. La palestra si fa allora luogo di confronto con sé stessi eseguendo gli esercizi di forma e di lavoro con gli altri, studiando le applicazioni, come prevede il vasto programma delle arti guerriere della Cina. Così, gradualmente, con paziente impegno, ci si rafforza individualmente e si sviluppa la capacità di interagire con i propri compagni di allenamento, creando momenti di positiva socialità. Adesso un po' di riposo per ripristinare le energie profuse ma... a settembre si riparte».





domenica 29 luglio 2018

San Benigno - Modifica della viabilità nel centro storico dal 1 al 8 agosto per lavori


Cambia la viabilità nel centro storico dalle 8 del 1 agosto fino alle 19 dell'8. Nello specifico sarà temporanemaente chiusa al transito veicolare con divieto di sosta il tratto di strada antistante i numeri dal civico 1 al 13 e dal 2 al 16 di Via Miaglia, per consentire la sostituzione delle lastre di pietra al centro della carreggiata. Sarà temporaneamente vietata la sosta in via Re Umberto I dal civico 1 al civico 5. Inoltre,  inversione senso unico di marcia temporaneo in via Otta nel tratto di strada fra via della Pace e via Re Umberto I e obbligo di svolta in via della Pace per i veicoli provenienti da via Don Otta. Infine, inversione  del senso unico di marcia e divieto di sosta temporaneo di via della Pace.

Leini - Chiusa la vicenda Acquafitness. Dovrà versare al comune 198mila euro

Gabriella Leone
Il Comune di Leini ha vinto la causa intentata, anni addietro, dalla società Acquafitness. La vicenda risale all’epoca in cui il Comune era amministrato dalla commissione prefettizia. La società Acquafitness si era aggiudicata il bando per la gestione della piscina. La commissione, poi, aveva fatto rientrare l’impianto natatorio tra le disponibilità del Comune a fronte di alcune inadempienze della società. Società che si era opposta al provvedimento. Il giudice, ora, ha dato piena ragione al Comune, rigettando integralmente l’opposizione della società e confermando il fatto che la decisione assunta a suo tempo era stata giusta e legittima. “Adesso – commenta il sindaco Gabriella Leone – si tratterà di predisporre tutti gli atti necessari per poter incamerare la somma indicata dal giudice, che si aggira sui 198mila euro”. La sentenza, infatti, impone il versamento di 198.517 euro, oltre agli interessi e alle spese legali, così come stabilito nel decreto ingiuntivo del 2015.

Leini - La Uisp River Borgaro continuerà a gestire la piscina comunale


La piscina, così come era stato assicurato nei mesi scorsi, non chiuderà i battenti, e la Uisp River 

Fabrizio Troiani
Borgaro continuerà a gestire l’impianto natatorio. Il lavoro portato avanti nel corso dei mesi dall’assessore Fabrizio Troiani, dal sindaco Gabriella Leone e dal segretario comunale, la dottoressa Stefania Truscia, ha permesso di addivenire ad una transazione con la società borgarese. Società che già nei mesi scorsi aveva coperto parte del debito accumulato con l’ente relativo alle utenze, energia elettrica e teleriscaldamento, per il periodo luglio – dicembre 2017 (la convenzione stipulata con la società per la concessione della piscina, infatti, prevedeva il versamento di un acconto mensile di 12.200 euro, e di un conguaglio a cadenza semestrale). Al netto dei versamenti già effettuati, e calcolati anche i ritardi nei pagamenti accumulati dopo la data del 31 dicembre 2017, restava da saldare una somma complessiva pari a 140.138,50 euro. Somma che, in base all’accordo siglato pochi giorni fa tra le parti, sarà coperta mediante il versamento di 23 rate mensili di 6mila euro ciascuna, più una rata finale pari a 2.138,5 euro. Grazie a questo accordo alla ripresa della stagione natatoria, al termine della pausa estiva, i leinicesi (e non solo loro) potranno continuare ad usufruire dei servizi offerti dalla struttura sportiva. 
“Siamo ovviamente soddisfatti per la conclusione di questa vicenda – spiegano il sindaco, Gabriella Leone, e l’assessore Fabrizio Troiani – In questi mesi abbiamo lavorato seguendo due linee guida: da un lato evitare che il Comune potesse subire anche il minimo danno, dall’altro garantire ai cittadini un servizio come quello della piscina. Per ottenere questo risultato abbiamo esplorato tutte le strade percorribili, arrivando infine ad un risultato che soddisfa pienamente tutte le esigenze”.

Blocchi del traffico, le novità per il prossimo inverno




È stato approvato dal Tavolo della qualità dell’aria, convocato nella sede della Città metropolitana dal vicesindaco Marco Marocco, lo schema dei blocchi permanenti del traffico e quello dei blocchi che scatteranno in situazione di emergenza, incrementando le disposizioni del Protocollo padano.

Marco Marocco



A partire dal 1° ottobre, i Comuni che aderiscono al Tavolo fermeranno auto e veicoli commerciali Euro0 (diesel, benzina, metano e Gpl) 7 giorni su 7 e per  24 ore (in precedenza bloccati da lunedì a venerdì con orario diurno). Le auto e i veicoli commerciali diesel Euro1, 2 e 3 saranno interdetti dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 19: gli Euro1 e i 2 si fermeranno per tutto l’anno, gli Euro3 rimarranno al palo dal 1 ottobre al 31 marzo dalle 8 alle 19, e questa è un’altra novità rispetto a quanto avvenuto finora, quando gli Euro3 erano bloccati solo allo scattare del semaforo arancione. 

Anche i ciclomotori e i motocicli Euro 0 saranno fermi per 24 ore, ma solo nei 6 mesi del periodo invernale. L’introduzione del blocco stabile dei diesel Euro3 avviene in attuazione delle disposizioni previste  nell’accordo padano.
Anche i ciclomotori e i motocicli Euro 0 saranno fermi per 24 ore, ma solo nei 6 mesi del periodo invernale. L’introduzione del blocco stabile dei diesel Euro3 avviene in attuazione delle disposizioni previste  nell’accordo padano.

“I componenti del tavolo hanno anche concordato il testo di un ordine del giorno - spiega il vicesindaco Marocco - da sottoporre all’approvazione del Consiglio metropolitano e successivamente della Conferenza dei Sindaci, nel quale si impegna la Sindaca a farsi portavoce in tutte le sedi al fine di reperire risorse per il trasporto pubblico locale e per la sostituzione dei veicoli commerciali più vecchi”.




Volpiano - Centoventiquattro bambini ritrovano le parole rubate a Sportasia



I centri estivi sono terminati. Organizzati dal Comune  in collaborazione con la Cooperativa Sociale Alemar hanno avuto la partecipazione di 69 bambini della scuola dell'infanzia e 55 della primaria, divisi in 7 gruppi, guidati da 22 educatori, per 4 settimane.
Quest'anno è stato scelto il titolo "Sportival", per raccontare la storia delle SportOlimpiadi di Sportasia e del furto delle parole dei regolamenti, senza le quali le gare non avrebbero potuto svolgersi. Ai piccoli investigatori  il compito di ritrovare, insieme ai genitori, le sette parole chiave, espressione dei valori etici dello sport, in due spettacoli serali. Come premio per il lavoro svolto, ai bambini è stato consegnato il libro game "Campioni si cresce".
"Abbiamo organizzato i centri estivi - commenta la coordinatrice del progetto, Tiziana Porta - cercando di rispettare le esigenze e i tempi dei bambini. La risposta è stata positiva, con una partecipazione costante e nessuna assenza".
I centri estivi 2018 si sono svolti nei locali della scuola primaria "Gigi Ghirotti", dove è stata installata una piscina gonfiabile per i più piccoli, mentre i bambini della primaria hanno frequentato la piscina parrocchiale; inoltre, in collaborazione con la Filarmonica Volpianese, ogni giovedì si è tenuto un laboratorio di avvicinamento alla musica.

Borgaro - Il ristorante "Du Village" compie 30 anni. Grande festa venerdì 3 agosto per Salvatore Abbate e la sua famiglia!


Quello che vi vogliamo raccontare è la storia di un traguardo, un bel traguardo composto da tanta volontà, umiltà, voglia di  conoscere e anche provare a mettersi in gioco . E’ la storia di Salvatore Abbate che nell’agosto del 1988 con la sua famiglia in primis sua moglie Dina
Salvatore e Dina Abbate
e in seguito i figli Gaetano e Luisa   apre a Borgaro il ristorante pizzeria "Du Village" . Se fate occhio alla data citata basta poco per capire che tra pochi giorni il 3 agosto  il “Du Village” anzi il “Nuovo Du Village “ compie trent’anni ! Da quell’originario locale nel 1997 e quindi da 21 anni Salvatore si sposta nei locali dov’è tutt’ora in via Lanzo 125. Lo abbiamo trovato all’esterno del locale seduto sulla panchina all’ingresso, in una delle brevi pause concesse dal lavoro e prima della cena . Non si è tirato indietro quando gli abbiamo chiesto qualche notizia sull’organizzazione della festa per i  trent’anni (si ricorda che la festa è ad invito) “Allestiremo all’esterno del locale nel parcheggio antistante con tavoli, panche ci sarà ovviamente da mangiare ma anche musica e fuochi artificiali, per festeggiare questi trent’anni” . Quando Abbate parla si assapora, verbo quanto mai azzeccato in questo caso, l’orgoglio di questo traguardo . Sotto i suoi baffi sorride e un po sornione ma sa che quello che sta per dire ha un peso per la sua vita non solo lavorativa “ il Du Village è il  ristorante a Borgaro  con la più lunga gestione. Altri locali presenti possono vantare di essere stati aperti prima ma il “Du Village” è unico perché non ha mai cambiato titolare”. Un dato di eccellenza che ci incuriosisce e quando Abbate ci dice di sedere accanto a lui, non ci facciamo perdere questa “ghiotta” occasione. Lo ascoltiamo e mano mano che racconta abbiamo la sensazione che aspettasse questo momento. Per ogni uomo o donna questo momento per tante ragioni è pensato, sognato magari con amici o conoscenti è una sorta di rituale recupero della memoria ma se questo arriva all’improvviso è un regalo del fato al quale non ci si sottrae. Ed ecco Salvatore Abbate ci regala  a cuore aperto il racconto della sua vita che va oltre il “Du Village” dalle prime esperienze fatte da giovane la gavetta come cameriere, le vere e proprie lezioni di cucina dei cuochi che ha incontrato . Snocciola nomi di ristoranti pietre miliari della gastronomia torinese e piemontese.
Ci piace poi come descrive la sua cucina soprattutto per l’influenza di quella toscana,e qui ci tocca il cuore visto che siamo cresciuti con i piatti della nonna materna maremmana. Cucina però vera non quella surrogata come ci sottolinea nel suo racconto , il pesce deve essere preparato e cucinato  dando valore al sapore così come per la carne. Tutto genuino dagli antipasti ai dolci. Non si scherza, non ci si accontenta  perché  la regola è quella che il cliente deve alzarsi da tavola soddisfatto anche nel servizio e come viene accolto e messo a suo agio, anche questa un arte . Tanti i clienti che infatti affollano sempre il locale e che sicuramente accorreranno venerdì prossimo per abbracciare Salvatore e la sua famiglia per festeggiare questi primi 30 anni !! Poi verso i 40 e magari i 50 con tanti gustosi piatti da preparare e far gustare Auguri al “Du Village” e a Salvatore che sa scegliere ottimi ingredienti in cucina e nella…vita! (Dario De Vecchis) 

giovedì 26 luglio 2018

Leinì, nel week end di scena il Movifest

Una due giorni di politica, dibattiti, musica e ospiti, quella offerta dal Movifest, in programma in piazza Primo Maggio sabato 28 e domenica 29. Ad organizzare, il gruppo leinicese del Movimento Cinque Stelle, con la collaborazione dei gruppi di Caselle, Chivasso, Volpiano, Ciriè - Valli di Lanzo, San Maurizio, Ivrea, Mappano, San Francesco al Campo, Borgaro e Settimo. Il programma della festa prevede, alle 17 di sabato, “Leini, le nostre azioni”: a seguire musica e annunci (17.15), “Rifiuti zero, si può fare” (17.45), esperienze dei Comuni 5 Stelle (18,30), grigliata con musica (19.30), musica rap con Sam6 (20), il Movimento in parlamento: i parlamentari 5 Stelle raccontano (21), rock blues con “Black shout & friends” (22.30) e, alle 24, la chiusura. Domenica 29 si riprende alle 17, con musica e annunci. Si prosegue con “Il Movimento in Regione Piemonte” (18.30), azioni in Città Metropolitana di Torino (19.15), grigliata con musica (20), musica rap con Tzo (20.15), Legalità e sicurezza: Gregorio De Falco e Pino Masciari (21), musica con Elena & le menti (22.30), musica con Soundscape 2.0 (23) e chiusura della festa, alle 24. Tra gli ospiti previsti, il sindaco di Torino, Chiara Appendino, i senatori Alberto Airola, Elisa Pirro e Gregorio De Falco, i deputati Laura Castelli, Jessica Costanzo, Maria Pallini, Celeste D’Arrando, Davide Crippa e Luca Carabetta; i consiglieri regionali Francesca Frediani, Giorgio Bertola, Davide Bono e Federico Valetti;  i consiglieri della Città Metropolitana Marco Marocco, Anna Merlin, Dimitri De Vita e Stefano Audino, e i sindaci Cinque Stelle Roberto Falcone, Marco Bongiovanni e Luca Salvai.






mercoledì 25 luglio 2018

Caselle - Successo per la festa di Sant'Anna.


E’ ormai un mix collaudato nel tempo, quello che ogni anno porta i volontari e le volontarie del Comitato per la Festa di Sant’Anna a raggiungere e superare i successi degli anni precedenti. Segreti non c’è ne sono. E qual’ora ve ne fossero non vengono divulgati. Certamente la location unica per ospitare una festa, o forse ormai l’ultima festa presente sul territorio, genuinamente contadina, rende più che mai suggestiva ogni iniziativa promossa dal Comitato organizzatore. Immersa nella campagna casellese, ma ai confini di Leinì, il piccolo borgo di Sant’Anna, grazie anche alla sua festa estiva, ha saputo nel tempo ritagliarsi una porzione sempre più ampia di partecipazione popolare. Del resto bastava presentarsi una qualunque delle serate in cui si è svolta la festa patronale, per accorgersi delle file interminabili per accedere allo stand gastronomico. Neppure la pioggia, l’afa ed i temporali estivi, hanno mosso la determinazione dei partecipanti alle serate. Al punto tale che, a più voci, si è levata la richiesta di aumentare i cinque canonici giorni della patronale, per soddisfare le richieste di tutti. “Noi non possiamo che essere lusingati da questa richiesta – spiega Silvio Macario Ban del Comitato Sant’Anna – ma credo che molto difficilmente potrà essere esaudita. Per il semplice motivo che la nostra festa vuole mantenere le caratteristiche di una festa contadina: buon cibo, genuino, cucinato al momento. Non abbiamo intenzione di sposare ritmi industriali, dove magari per soddisfare la quantità, si peggiora in qualità. Certo ci sono stati momenti, nelle serate, dove l’attesa in coda ha superato le due ore, con centinaia di persone in fila. Ecco noi vorremmo ringraziarli, per la loro pazienza e per la loro grande disponibilità”. Insomma formula vincente non si cambia. Ormai sant’Anna nel cuore  e nella mente di tante persone è la festa agricola per eccellenza. Il clima è cordiale. Il cibo genuino. I volontari grandi, giovani e piccini, sempre entusiasti, ma quello che più conta, conclude Macario Ban “E’ quel senso di comunità, quello stare insieme fra le persone, che a noi rende felici, nonostante la grande fatica e l’impegno intrapreso”. Fatica ed impegno, la formula che ha contribuito al successo della festa della borgata Sant’Anna di Caselle.
Davide Aimonetto





















Mappano - Lo sfogo di Valter Campioni: le cause legali spreco dei soldi dei cittadini


Il Tar respinge l'istanza cautelare di Mappano contro Borgaro per lo scioglimento
Valter Campioni
del CIM e Valter Campioni si sfoga.
"Le minoranze, quando spesso contestavano le scelte poco rispettose e poco democratiche dell’amministrazione Grassi, molti sostenitori percepivano come un attacco all’attuale amministrazione e chiedevano più tempo almeno un anno per vedere miglioramenti.
E’ passato un anno da quando l'amministrazione Grassi si è insediata ed è giunto il momento di fare qualche bilancio.
Il comune di Mappano perde la prima causa al TAR - ordinanza pubblicata l’11 luglio 2018- contro il comune di Borgaro, in opposizione alla delibera di scioglimento e cessazione del CIM del 21 dicembre 2017.

Mappano ha partecipato al bando della Regione "Percorsi ciclabili sicuri" in cui vengono finanziati i primi 13 progetti classificati. Mappano si è classificato al 42esimo posto rispetto ai 46 partecipanti. Peggio hanno fatto solo i comuni di Vottigliasco, Unione montana Val Grande, Borgo D’Ale, San Nazzaro Sesia. Caselle e Borgaro, si sono classificati 6, ottenendo il finanziamento.

Nel primo consiglio comunale del 28 giugno 2017 “preso atto che gli assessori nominati svolgono le stesse funzioni assegnate al Consorzio Intercomunale di Mappano e che si stanno duplicando le funzioni di segretario e revisore dei conti (del Comune e del CIM) il gruppo consigliare “Uniti per Mappano” invitava il sindaco e l’amministrazione ad attivarsi urgentemente affinché venisse avviato il procedimento amministrativo di scioglimento del CIM”.

La principale scelta di questa amministrazione finora realizzata, per le tasche dei mappanesi, è rappresentata dalle risorse impegnate per gli avvocati pari a 260.400 euro nel triennio.
Non bisogna essere esimi giuristi, per comprendere che Mappano perderà anche le altre cause contro le delibere sui bilanci dei comuni cedenti.

In conclusione sarebbe utile che l’amministrazione Grassi riflettesse seriamente e pensasse al bene della comunità mappanese e rivedesse le priorità, in primis  impiegare in modo oculato i soldi dei propri cittadini, invece di sprecarli. Che significa investirli per creare sviluppo del territorio e nuova ricchezza e occupazione; per la viabilità e le manutenzioni stradali; per le attività culturali, le politiche giovanili,  lo sport e il tempo libero"


Anestesia senza paura. I consigli del veterinario

Andrea Fontana
Tornano i consigli del dottor Andrea Fontana

Può succedere che anche i nostri amici animali richiedano delle pratiche mediche che sono difficilmente realizzabili senza un'anestesia. I nostri animali infatti, nello stesso modo in cui avviene per noi, hanno una percezione del dolore proporzionale allo stimolo doloroso a cui sono sottoposti che spesso si associa anche ad un senso di paura che può tramutarsi in vero e pero proprio panico, con relativa aggressione o fuga incontrollata. Per questo motivo, ogni intervento veterinario che comporti dolore o anche solo la necessità di avere un soggetto immobile e rilassato, ha bisogno di ricorrere a dei farmaci in grado di farci raggiungere questa situazione desiderata. L'anestesia non deve fare paura, perché valutata di caso in caso, svolta da professionisti e sempre monitorata. #anestesiasenzapaura


martedì 24 luglio 2018

Lombardore - Divieto di transito ai camion superiori alle 3,5 tonnellate. Lo ha deciso ieri la Città metropolitana


Divieto di transito ai camion  con peso superiore alle 3,5 tonnellate sulla Sp267 a Lombardore. Un provvedimento quello emesso da ieri, lunedì 23 luglio, dal servizio viabilità della Città metropolitana di Torino, necessario per evitare di andare ulteriormente a compromettere una situazione già critica emersa questa primavera nel tratto della SP 460 interessato da un importante cedimento del corpo stradale.

L’ordinanza prevede che nel tratto della SP 267 compreso tra il km 20+600 e il km 21+150 circa interno alla perimetrazione del centro abitato di Lombardore, gli autocarri non possano transitare con deviazione  su idonei percorsi individuati nelle viabilità provinciali ed indicati in loco a mezzo di idonea segnalazione.

Per Lombardore dall'aprile scorso, con la chiusura di una parte della Sp460 è, infatti, stata una croce per tutto il traffico che si è riversato sulla Sp267 che ha causato e causa quotidianamente code, ingorghi, disagi e tamponamenti, oltre ad un aumento esponenziale dell'inquinamento acustico e ambientale. Questo provvedimento dovrebbe alleggerire un po' la situazione in attesa dei lavori di ripristino del tratto stradale

lunedì 23 luglio 2018

Borgaro - Approvato il regolamento dei Servizi Scolastici

Marcella Maurin
Il Comune si dota di un proprio regolamento dei Servizi Scolastici. Di cosa si tratta? 
Una disciplina per l’organizzazione e l’accesso ai servizi offerti: dalla mensa al trasporto, fino al pre e post scuola presso le scuole di ogni ordine e grado presenti sul territorio cittadino. Ma, anche i rapporti con l’utenza.
“Con il regolamento si andranno a normare le modalità e le tempistiche d’iscrizione a questi servizi - precisa l’assessora Marcella Maurin - così come il contributo da parte delle famiglie per accedere a mensa, trasporto e pre e post scuola ma anche le conseguenze del mancato pagamento dei servizi”.
Il regolamento diventerà ufficialmente attuabile passati i 15 giorni dalla pubblicazione all’albo pretorio e sarà in vigore a partire dal prossimo anno scolastico, 2018-19.

ASL TO4 - "Una nuova apparecchiatura laser per la chirurgia mininvasiva alla Chirurgia di Ivrea-Cuorgnè"


Nuova apparecchiatura laser per l'ASL TO4 in dotazione alla Chirurgia di Ivrea-Cuorgnè.
“Le formule alternative alla degenza ordinaria, day surgery e ambulatory surgery, insieme all’innalzamento del livello tecnologico delle procedure eseguite e al diffondersi delle tecniche operatorie mininvasive stanno cambiando gli ospedali. Si riducono le degenze e si accorciano i tempi per la ripresa delle normali attività da parte delle persone operate”, spiega il Direttore Generale dell’ASL TO4,  Lorenzo Ardissone, e aggiunge: “Da parte nostra perseguiamo costantemente questi obiettivi e stiamo investendo nella tecnologia per la diagnostica e per le procedure chirurgiche”.
La tecnologia laser per il trattamento delle varici degli arti inferiori è praticata dalla Chirurgia di Ivrea-Cuorgnè già da diverso tempo, ma ora è stato acquisito un nuovo laser a 1470 nm per il trattamento dell’insufficienza venosa cronica. Il nuovo laser utilizza potenze di emissione più basse, ma molto più efficaci perché agisce sulla completa circonferenza del vaso venoso varicoso da trattare. Questa tecnica permette di operare le varici senza incisioni cutanee, senza “sfilare” le vene malate, ma occludendole con un doppio raggio laser emesso tramite una sonda inserita nel loro interno. In questo modo si riduce l’invasività dell’intervento, che può essere eseguito in anestesia locale, con una durata media di circa 30 minuti e con eccellenti risultati funzionali ed estetici Il decorso post-operatorio è più leggero e la persona operata può rapidamente riprendere la sua usuale vita di relazione. Questi interventi sono ormai routinariamente eseguiti presso la Day Surgery di Cuorgnè dall’équipe del dottor Lodovico Rosato, Direttore della Chirurgia di Ivrea-Cuorgnè, anche grazie all’esperienza maturata in ambito chirurgico flebologico in particolare dal dottor Giorgio Morozzo.

L’acquisizione della nuova apparecchiatura laser ha consentito di estenderne l’uso anche alla chirurgia mininvasiva delle fistole perianali. Questa procedura consente, infatti, di trattare efficacemente le fistole senza danneggiare la muscolatura sfinterica. Tecnicamente si collega al laser una specifica fibra ottica flessibile in grado di diffondere radialmente a 360 gradi la sua l’energia. Si introduce la fibra nel tragitto fistoloso e, poi, la si ritira lentamente, percorrendo tutto il canale. L’energia laser emessa radialmente viene assorbita selettivamente dalle molecole di acqua presenti nei tessuti della fistola, promuovendo la denaturazione del tessuto e la sua successiva chiusura. La limitata penetrazione dell’energia ai tessuti circostanti fa sì che non siano danneggiati i muscoli sfinterici (muscoli della continenza). La controllata e progressiva denaturazione dei tessuti del tragitto e il collabimento delle pareti della fistola promuovono il rapido processo di guarigione, senza lasciare cicatrici da rimarginare e con netta riduzione della sintomatologia dolorosa rispetto al trattamento tradizionale. Anche questa tecnica chirurgica è eseguita in regime di Day Surgery a Cuorgnè dall’équipe della Chirurgia di Ivrea-Cuorgnè e, in particolare, dai dottori  Antonio Bergantino e Luca Panier Suffat.


                                                                   

Volpiano - "Sere d'Estate" al centro Riboldi per chi rimane in città


Nonostante si annunci per il turismo  un’estate da record, rispetto al 2017 aumenta il numero degli italiani che alle vacanze è costretto a rinunciare. Naturalmente, le ragioni sono economiche. Ecco perchè molti Comuni sono corsi ai ripari offrendo momenti di svago ai loro cittadini. A Volpiano, 
proseguono fino al 4 agosto, ogni sabato dalle 21, le  "Sere d'estate" al Centro Incontro Riboldi, nel cortile di Palazzo Oliveri, con la musica e i balli latino-americani del duo Pino e Rossella. L'iniziativa, è ad ingresso gratuito, si colloca nel periodo tra la festa patronale e quella di San Grato e rappresenta un momento di convivialità per le persone rimaste in città.
"Appuntamenti come questo - sottolinea il sindaco Emanuele De Zuanne - si svolgono da molti anni e quasi ci si dimentica di ricordare chi dedica tempo e risorse affinché riescano al meglio; perciò ringrazio i componenti del Centro Riboldi per il loro impegno che consente di offrire ai volpianesi  queste piacevoli serate".

Nasce il nuovo portale Informalavoro Torino Piemonte. Uno strumento per chi è alla ricerca di opportunità di lavoro e formazione

E’ on line il nuovo portale Informalavoro Torino Piemonte, frutto di
Alberto Sacco
un’intesa istituzionale tra Regione Piemonte e Città di Torino, in collaborazione con Agenzia Piemonte Lavoro.
L’iniziativa, presentata stamane in conferenza stampa dagli assessori al Lavoro della Regione e del Comune, Gianna Pentenero e Alberto Sacco, insieme al direttore dell’Agenzia Piemonte Lavoro Claudio Spadon, si propone di valorizzare l’esperienza che la Città di Torino porta avanti da anni con la testata Informalavoro, arricchita, grazie alla sinergia tra gli enti, nei contenuti e resa fruibile su scala regionale.
Rivolto a giovani e non solo, il nuovo portale si presenta come una vetrina delle offerte di lavoro e formazione messe a disposizione dai Centri per l’Impiego piemontesi e dalle agenzie per il lavoro, a cui si aggiungono le attività per lo sviluppo dell’occupazione finanziate dal Fondo sociale europeo, le iniziative di orientamento e le opportunità all’estero gestite dalla rete Eures.
“Pur senza pretese di esaustività assoluta – dichiara l’assessora al Lavoro della Regione Piemonte Gianna Pentenero –, pensiamo che riunire in un unico contenitore le informazioni rivolte a chi sta cercando lavoro, o vuole migliorare le proprie competenze, rappresenti un utile servizio per i cittadini piemontesi. Grazie alla collaborazione con Città di Torino e Apl, inoltre, consolidiamo una buona pratica e permettiamo una diffusione più capillare delle opportunità messe in campo dalla Regione grazie al Fondo sociale e delle attività dei centri per l’impiego, di cui è stato, tra l’altro, recentemente definito il nuovo assetto”.
"La realizzazione di questo nuovo portale che parte dall'esperienza e dal know how di Informalavoro – afferma l’assessore al Lavoro del Comune di Torino Alberto Sacco – rappresenta un risultato particolarmente significativo della collaborazione che si è sviluppata in questi ultimi anni tra la Città di Torino e la Regione Piemonte sui temi del lavoro".
“Le persone in cerca di occupazione possono ora trovare le offerte di lavoro dei servizi pubblici su un unico portale regionale – aggiunge il direttore di Agenzia Piemonte Lavoro, Claudio Spadon – dove gli operatori e le operatrici dei 30 centri per l’impiego piemontesi e dei servizi di APL, Eures e Alte professionalità e grandi reclutamenti, intervengono direttamente pubblicando e aggiornando le richieste di lavoro. Oltre alle offerte delle aziende sono presenti le opportunità di avviamento presso gli enti pubblici, art. 16, e i Progetti di Pubblica di Utilità. E’ un’importante iniziativa a cui l’Agenzia Piemonte Lavoro collabora, che consente per la prima volta una visibilità regionale omogenea delle offerte di lavoro dei servizi pubblici del Piemonte”.
Finanziato grazie alle risorse previste dal piano di comunicazione del Fondo sociale europeo, il portale presenta una specifica sezione con più di 300 offerte di lavoro (gestite dai centri per l’impiego e dalle agenzie per il lavoro), oltre a concorsi, borse di studio, stage e ricerche rivolte alle alte professionalità. L’homepage del sito consente inoltre di accedere al sistema regionale della formazione professionale e degli Istituti Tecnici Superiori e sono presenti sezioni dedicate all’orientamento alle professioni e alla normativa sul mercato del lavoro. In evidenza, un focus sull’auto-imprenditoria, con informazioni sul programma regionale Mip-Mettersi in Proprio e consigli rivolti a chi ha un’idea d’impresa. Non mancano infine approfondimenti sulle politiche attive del lavoro (dall’assegno di ricollocazione nazionale al Buono Servizi della Regione) e notizie in evidenza con appuntamenti utili per chi cerca lavoro.
Il portale, concepito per una facile consultazione anche da dispositivi mobili, viene costantemente aggiornato da una redazione dedicata, composta da operatori di Regione Piemonte, Città di Torino e Agenzia Piemonte Lavoro.

venerdì 20 luglio 2018

Borgaro - Stazione GTT degrado continuo.



Molte volte abbiamo scritto dei problemi della Stazione GTT di Borgaro in via Diaz . Problemi continui che non comprendiamo come non possano essere risolti con interventi risolutori e non solo palliativi che in breve tempo vengono annullati . Scritte sui muri, scarse segnalazioni e indicazioni e poi erba tanta erba che cresce costantemente visto anche i capricci ai quali ci sta abituando il clima sempre più impazzito . Le immagini che alleghiamo sono eloquenti e non aggiungiamo altre parole !