Periodico di vita e cultura locale a cura dell'associazione PAROLE & MUSICA onlus.

domenica 29 luglio 2018

Borgaro - Il ristorante "Du Village" compie 30 anni. Grande festa venerdì 3 agosto per Salvatore Abbate e la sua famiglia!


Quello che vi vogliamo raccontare è la storia di un traguardo, un bel traguardo composto da tanta volontà, umiltà, voglia di  conoscere e anche provare a mettersi in gioco . E’ la storia di Salvatore Abbate che nell’agosto del 1988 con la sua famiglia in primis sua moglie Dina
Salvatore e Dina Abbate
e in seguito i figli Gaetano e Luisa   apre a Borgaro il ristorante pizzeria "Du Village" . Se fate occhio alla data citata basta poco per capire che tra pochi giorni il 3 agosto  il “Du Village” anzi il “Nuovo Du Village “ compie trent’anni ! Da quell’originario locale nel 1997 e quindi da 21 anni Salvatore si sposta nei locali dov’è tutt’ora in via Lanzo 125. Lo abbiamo trovato all’esterno del locale seduto sulla panchina all’ingresso, in una delle brevi pause concesse dal lavoro e prima della cena . Non si è tirato indietro quando gli abbiamo chiesto qualche notizia sull’organizzazione della festa per i  trent’anni (si ricorda che la festa è ad invito) “Allestiremo all’esterno del locale nel parcheggio antistante con tavoli, panche ci sarà ovviamente da mangiare ma anche musica e fuochi artificiali, per festeggiare questi trent’anni” . Quando Abbate parla si assapora, verbo quanto mai azzeccato in questo caso, l’orgoglio di questo traguardo . Sotto i suoi baffi sorride e un po sornione ma sa che quello che sta per dire ha un peso per la sua vita non solo lavorativa “ il Du Village è il  ristorante a Borgaro  con la più lunga gestione. Altri locali presenti possono vantare di essere stati aperti prima ma il “Du Village” è unico perché non ha mai cambiato titolare”. Un dato di eccellenza che ci incuriosisce e quando Abbate ci dice di sedere accanto a lui, non ci facciamo perdere questa “ghiotta” occasione. Lo ascoltiamo e mano mano che racconta abbiamo la sensazione che aspettasse questo momento. Per ogni uomo o donna questo momento per tante ragioni è pensato, sognato magari con amici o conoscenti è una sorta di rituale recupero della memoria ma se questo arriva all’improvviso è un regalo del fato al quale non ci si sottrae. Ed ecco Salvatore Abbate ci regala  a cuore aperto il racconto della sua vita che va oltre il “Du Village” dalle prime esperienze fatte da giovane la gavetta come cameriere, le vere e proprie lezioni di cucina dei cuochi che ha incontrato . Snocciola nomi di ristoranti pietre miliari della gastronomia torinese e piemontese.
Ci piace poi come descrive la sua cucina soprattutto per l’influenza di quella toscana,e qui ci tocca il cuore visto che siamo cresciuti con i piatti della nonna materna maremmana. Cucina però vera non quella surrogata come ci sottolinea nel suo racconto , il pesce deve essere preparato e cucinato  dando valore al sapore così come per la carne. Tutto genuino dagli antipasti ai dolci. Non si scherza, non ci si accontenta  perché  la regola è quella che il cliente deve alzarsi da tavola soddisfatto anche nel servizio e come viene accolto e messo a suo agio, anche questa un arte . Tanti i clienti che infatti affollano sempre il locale e che sicuramente accorreranno venerdì prossimo per abbracciare Salvatore e la sua famiglia per festeggiare questi primi 30 anni !! Poi verso i 40 e magari i 50 con tanti gustosi piatti da preparare e far gustare Auguri al “Du Village” e a Salvatore che sa scegliere ottimi ingredienti in cucina e nella…vita! (Dario De Vecchis)