Periodico di vita e cultura locale a cura dell'associazione PAROLE & MUSICA onlus.

giovedì 2 agosto 2018

Rubrica - In viaggio tra le biblioteche più belle d'Italia e del mondo


“Quelli che mi lasciano proprio senza fiato sono i libri che quando li hai finiti di leggere vorresti che l’autore fosse un tuo amico per la pelle e poterlo chiamare al telefono tutte le volte che ti gira”.  (Salinger)
La lettura è per molti un piacere irrinuncibile. E' sogno, fantasia, cibo per la mente, viaggio, avventura e molto altro ancora. In attesa che il nostro nuovo sito diventi operativo lanciamo una delle rubriche che avremo fisse sul restyling del nostro giornale: il libro. E, lo facciamo cominciando a raccontarvi delle biblioteche più belle d'Italia e del mondo. Mandateci i vostri commenti. Raccontateci se questa iniziativa vi piace. 
E, allora bando alle ciance.
Partiamo da casa nostra ossia dalla Biblioteca Reale di Torino: all'interno di Palazzo Reale è una delle più importanti istituzioni culturali della città. Conserva oltre 200mila volumi, carte antiche, incisioni e disegni, come il celebre “Autoritratto” di Leonardo da Vinci. Istituita da Carlo Alberto nel 1837, è elemento del sito Unesco Residenze Sabaude, iscritto alla lista del Patrimonio dell'Umanità dal 1997.  Il palazzo, progettata dall’architetto Carlo Amedeo di Castellamomnte è stato residenza dei sovrani di casa Savoia fino al 1865. Il salone monumentale fu disegnato dell’architetto di corte Pelagio Pelagi che rivestì la Biblioteca di preziose scaffalature lignee a doppia altezza e fece dipingere le volte dai pittori Moja e Trefogli con soggetti a monocromo raffiguranti le Scienze e le Arti.