Periodico di vita e cultura locale a cura dell'associazione PAROLE & MUSICA onlus.

lunedì 22 ottobre 2018

Borgaro, i 100 anni di nonna Anna

Scrive su un particolare quaderno, con una grafia così perfetta da essere il sogno di qualunque insegnante, poesie. Poesie da lei stessa pensate, ma anche ripescate dalla memoria, andando indietro sino ai tempi della scuola o prima ancora, alle filastrocche imparate da bambina, e corredando tutte le pagine del quaderno con i disegni che illustrano e accompagnano i versi. E poi, con quella stessa grafia, così precisa e ordinata, e quella stessa capacità di disegnare, realizza i biglietti di auguri (per Natale, per Pasqua, per i compleanni) che spedisce poi ai parenti e agli amici. Nulla di strano, o di fuori dal comune, si potrebbe pensare. Vero. Se non fosse, però, che quelle mani, così ferme e precise, quella memoria così salda e puntuale, e quella voglia di non stare mai ferma, appartengono ad Anna Dellavalle, 100 anni celebrati sabato 20.
Nativa dei dintorni di Bra, Anna è nata alla fine della Prima Guerra Mondiale, e ha attraversato in pieno la Seconda, con tutto il suo carico di fame e paura. Ha iniziato a lavorare in casa, a 4 anni, e a 12, per contribuire in qualche modo alle entrate della famiglia, è andata a servizio in altre case, a Torino. E da allora non ha più smesso di lavorare.
Sabato, a celebrare un traguardo così importante come i cento anni, c’era la nipote, Alessandra, la bis nipote Beatrice, e poi tanti altri parenti e tanti amici: “Ho quattro fratelli - spiega - Da parte loro i nipoti sono... un’infinità”, spiega divertita. E poi anche il sindaco, Claudio Gambino, che le ha regalato una targa (e ha letto una poesia scritta apposta per lei), il capogruppo Beppe Ponchione, che ha portato invece un mazzo di fiori, e il parroco. E nonna (bis) Anna, con il sindaco da una parte e il parroco dall’altra, ha messo la candeline sulla torta, le ha accese e poi, come vuole la tradizione, le ha spente. Con un desiderio questa volta espresso da coloro che l’hanno circondata con il loro affetto: che nonna Anna possa attraversare ancora molti, molti anni. Con la stessa lucidità, la stessa voglia di fare e la stessa simpatia.