Periodico di vita e cultura locale a cura dell'associazione PAROLE & MUSICA onlus.

venerdì 12 ottobre 2018

Da Ragusa a San Benigno per l'alternanza scuola-lavoro


È cominciata ieri l’avventura di 15 ragazzi del liceo Fermi di Ragusa, giunti all’azienda
Asilait di San Benigno per un progetto di alternanza scuola lavoro. I ragazzi, accompagnati in Piemonte dalla professoressa Mirella Blundo accompagneranno il titolare dell’azienda agricola, Andrea Gamarra, in tutte le operazioni che si svolgono quotidianamente: dalla mungitura delle asine alla loro cura al trattamenti del latte. «Ad essere impegnati in questo progetto di alternanza in realtà sono 45 ragazzi - ha spiegato la professoressa Blundo - Quindici opereranno qui, a San Benigno, altrettanti in Sicilia lavoreranno sulla filiera dell’olivo, dalla coltivazione al marketing dell’olio, e altri 15 svolgeranno un attività legata ai musei a Ragusa e dintorni. Il fine di questo progetto, “Conoscere per scegliere”, è proprio questo: venire a contatto con realtà diverse, conoscerle, imparare e poter così scegliere il proprio percorso». E il legame tra la Sicilia e il Canavese, nato quasi per caso grazie ad una studentessa della facoltà di veterinaria, originaria di Ragusa, la cui madre insegna proprio al Fermi, non poteva che avere come partner un’azienda all’avanguardia: «Un’azienda sempre pronta a sperimentare, a dare opportunità - ha evidenziato il sindaco, Maura Geminiani - Sono certa che questa potrà essere un’opportunità importantissima non solo per i ragazzi, ma anche per i titolari della Asilait». «Bella l’idea di unire due mondo diversi, per alcuni aspetti, simili per altri, come il Piemonte e la Sicilia - ha aggiunto l’assessore regionale a Lavoro e Istruzione, Gianna Pentenero - Mi auguro che grazie a questa azienda, così importante e lungimirante, i ragazzi possano imparare molto ad una realtà agricola importante». E allora buon lavoro ragazzi. E benvenuti in Canavese.