Periodico di vita e cultura locale a cura dell'associazione PAROLE & MUSICA onlus.

domenica 4 novembre 2018

Caselle - 4 Novembre Festa dell'unità nazionale, della riflessione e del ricordo !




E' stata una celebrazione quella del 4 Novembre non retorica ma rivolta al passato per riflettere sul presente. Una Festa delle Forze Armate come simbolo e strumento di Unità nazionale , per ricordare la Memoria dei caduti di tutte le guerre, un monito contro la follia della guerra come ha ricordato nel suo intervento il sindaco Luca Baracco che ha anche sottolineato la sua approvazione alla richiesta dell'Associazione Nazionale degli Alpini al presidente della Repubblica Sergio Mattarella di ridare al 4 Novembre il suo valore di Festa Nazionale . Un intervento ricco di spunti di riflessione chiuso con la bella frase del regista Ermanno Olmi nella conclusione giusta chiosa condivisa dai molti partecipanti alla cerimonia.
Un discorso quello di Baracco arrivato  dopo il contributo da parte del Cavaliere Carlo Guglielminetti dell'Associazione Combattenti e Reduci di Guerra che attraverso i suoi vivi ricordi personali ha sicuramente segnato questa cerimonia.
Le sue parole sono state sicuramente una fonte inesauribile di memorie vissute sulla sua pelle e trasmesse con una asciutta e quanto mai severa analisi che si può riassumere con un pensiero da lui espresso nella frase chiara e netta " la guerra si dovrebbe abolire!" . Una cielo grigio ha accompagnato le decine di partecipanti che hanno sfilato in corteo con in testa " La Novella"  nelle vie del centro cittadino, con le tappe previste  in piazza Europa dove alle 10 è stata deposta  una corona e conclusasi al cimitero dove sono stati omaggiati  tutti i caduti della guerre e dei caduti senza Croce. Oltre alla presenza della delegazione del Comune di Caselle guidata dal sindaco Baracco e dall'assessre Angela Grimaldi, molte le associazioni presenti con i loro labari AEGIS, AIDO, AVIS, La Forgia, ANPI, UNITRE , Pro Loco, Centro Anziani,  le associazioni d'arma dei Bersaglieri e degli Alpini, i Vigili del Fuoco, la Protezione Civile, i Carabinieri. A cento anni dalla fine della Prima guerra mondiale Caselle ha così dimostrato di essere città di Pace e di Unità nazionale ! Dario De Vecchis