Periodico di vita e cultura locale a cura dell'associazione PAROLE & MUSICA onlus.

martedì 13 novembre 2018

Mappano, un caso letterario per Contrera l'ultima fatica di Christian Frascella


Non capita tutti i giorni che il protagonista di un romanzo, esca dalle pagine del libro, ed accompagnato idealmente dal suo autore, inizi a girovagare proprio per quei luoghi, per quelle strade, quelle piazze, che hanno fatto da sfondo alla sua storia. E’ successo qualche giorno fa, al detective privato Contrera, straordinario personaggio, uscito dalla penna e dalla vivida fantasia di Christian Frascella, autore, con alle spalle diverse pubblicazioni presso prestigiose case editrici come Einaudi e la Mondadori. Romano d’adozione, ma originario di Mappano, dopo molti anni di presenza ininterrotta nella Capitale, ha deciso di tornare un po’ sui suoi passi, nei luoghi della sua gioventù. Lo ha fatto con un tour di successo, attraverso la Barriera di Milano, storico quartiere operaio torinese che, guarda caso è anche il luogo dove si dipanano le avventure e le disavventure di questo curioso e disincantato investigatore privato che nel suo primo libro che lo vede protagonista, dal titolo “Fa troppo freddo per morire”, è già riuscito a conquistare la simpatia e l’interesse di molti lettori. Cosa non da poco, in un momento che, fra panorama letterario e fiction televisive, gli ispettori, i poliziotti, gli investigatori dal cuore più o meno duro, non mancano di certo, ed affollano le classifiche ed i palinsesti televisivi. Eppure Contrera, grazie anche e soprattutto alla straordinaria capacità narrativa di Frascella, ha saputo con la sua ruvidezza, il suo cinico disincanto, ritagliarsi uno spazio nel panorama letterario nazionale, che sta crescendo di giorno in giorno, e non solo nelle classifiche dei libri più venduti. Frascella ha saputo calibrare un personaggio nuovo, ma che coniuga perfettamente molti degli stilemi classici di questo genere. Grande amante dei romanzi Gialli, in particolari quelli americani, Frascella, senza far perdere freschezza ed originalità, plasma nel personaggio di Contrera, tutte le grandi inquietudini e le paure del uomo contemporaneo. Lo fa con abilità e maestria. Non dando mai nulla per scontato, e mantenendo incollato il lettore ad ogni pagina. Una trama accattivante e per nulla scontata, permette a questo personaggio, che farà sicuramente molta strada, di accompagnare il lettore in una vera, e non decantata dalla sociologia, realtà periferica, dove ai bordi di quella marginalità si ricostruiscono rapporti, si innescano dolori, esplodono misteri e contraddizioni. Una Barriera di Milano più noir che mai, fa da sfondo a Contrera ed alla sua storia. Luoghi e posti che hanno perso ormai ogni centralità operaia, dove le industrie dismesse sono simili a relitti spiaggiati dalle onde del tempo e della crisi. Una Barriera dove la solidarietà non è più quella si coniugava nel sindacato, nelle sezioni del Pci, nelle manifestazioni cittadine, da sempre orgoglio di una diversità operaia, che faceva a pugni, anche antropologicamente con l’altro grande quartiere torinese a tradizione comunista: Borgo San Paolo. Ebbene tutto questo non traspare nelle pagine di Frascella, vicende ormai relegate più nei libri di storia e negli amarcord. La Barriera di oggi, quella sapientemente descritta da Frascella, è un caleidoscopio multiforme e cangiante, di colori, sapori, lingue. Cinesi e arabi, suk e kebab. Una umanità varia e dolente, in cui a fatica Contrera si muove e cerca di dipanare le sue indagini. Una Barriera nuova, sicuramente diversa, nata dalle ceneri della vecchia. Ma che può riservare ancora tante incredibili sorprese, se si cerca di leggerla non con le lenti deformate dell’ipocrisia e del perbenismo. Ecco Frascella lo ha fatto. Attraverso un cocktail azzeccato di azione e ironia, gusto per la sorpresa, e di rivedere vecchie strade e quartieri con occhi nuovi. Un successo letterario in cui è già prevista l’uscita nel 2019, di un nuovo romanzo che avrà sempre come protagonista Contrera, accanto alla possibilità di trasformare in fiction il primo libro, i diritti televisivi sono già stati acquistati, e Frascella si occuperà anche della sceneggiatura. Tutto questo, nella speranza che, con il tour di presentazione primaverile del suo nuovo libro, Christian Frascella riesca a trovare il tempo di venire anche a Mappano. Sappiamo quanto lui sia poco incline e schivo verso le presentazioni pubbliche, ma Mappano, suo paese natale, saprà sicuramente accoglierlo al meglio. In fondo per Contrera, anche Mappano val bene una presentazione.
Davide Aimonetto



L'autore Christian Frascella


Il suo ultimo libro