Periodico di vita e cultura locale a cura dell'associazione PAROLE & MUSICA onlus.

giovedì 1 novembre 2018

Volpiano, un anno di cassa in extremis per i lavoratori Comital - Lamalu

Non è la soluzione a tutti i problemi ma di certo è una bella boccata di ossigeno, quella arrivata stamattina ai lavoratori Comital e Lamalu. Stamattina è stato illustrato, dal ministro Di Maio, un percorso che porterà i lavoratori a usufruire, da ottobre 2018 a ottobre 2019, della cassa integrazione. Certo, il percorso deve ora diventare cosa concreta, mediante l’approvazione dell’emendamento in cui è contenuto anche il “provvedimento Comital”. Certo, questo provvedimento non ripagherà i lavoratori per quanto non hanno percepito nei mesi scorsi, e neppure rappresenta, come detto, la soluzione a tutti i problemi. Ma, di certo, consentirà ai lavoratori di vivere con maggiore serenità i prossimi 12 mesi e, inoltre, di mettere sul piatto altri 365 giorni per trovare un investitore che possa risollevare, definitivamente, le sorti dello stabilimento volpianese. « Ringraziamo il governo per l’attenzione prestata al caso Comital/Lamalu e per la soluzione prospettata sul fronte degli ammortizzatori sociali, contenuta, come noto, in un emendamento che dovrebbe essere approvato nelle prossime ore - sottolineano il presidente della Regione Piemonte e l’assessore regionale al Lavoro, Gianna Pentenero - Naturalmente il problema di fondo resta quello di trovare un investitore interessato a rilevare il sito industriale, garantendo il mantenimento dei livelli produttivi e occupazionali. L’impegno della Regione Piemonte continuerà quindi a essere massimo sia su questo fronte, sia nel vigilare affinché l’emendamento arrivi correttamente fino al termine dell’iter parlamentare. E se dovessero esserci ancora questioni aperte, chiederemo ai parlamentari piemontesi e allo stesso Ministro Di Maio di introdurre gli eventuali aggiustamenti». «È importante che tutte le forze politiche, di maggioranza e di opposizione, attraverso i loro esponenti in Piemonte e insieme alle organizzazioni sindacali, abbiano mantenuto alta l'attenzione sulla vicenda Comital - spiega il sindaco di Volpiano, Emanuele De Zuanne, che ha seguito l’incontro con l’assessore alle Attività Produttive Marco Sciretti, e con l’assessore al Bilancio, Gianni Panichelli - Ringrazio il governo perché è intervenuto adottando un provvedimento normativo; entreremo nel dettaglio al momento della pubblicazione del decreto e delle circolari ministeriali ma, come è stato spiegato, la soluzione adottata, pur lasciando scoperto il periodo da giugno a settembre 2018, consente ai lavoratori di usufruire della cassa integrazione per un anno a partire da ottobre 2018; in tal senso è stato fatto ciò che era possibile fare». «Bisogna continuare a ricercare una soluzione definitiva - conclude Sciretti - e il lavoro dei curatori fallimentari nei prossimi mesi è fondamentale per dare continuità produttiva allo stabilimento di Volpiano, coinvolgendo nuovi investitori».