Periodico di vita e cultura locale a cura dell'associazione PAROLE & MUSICA onlus.

lunedì 31 dicembre 2018

Borgaro - Ultimo commosso saluto a Vincenzo Barrea

L'omaggio davanti al municipio


La comunità di Borgaro si è stretta, oggi pomeriggio, lunedì 31 dicembre,
Sulla bara anche la sciarpa e la maglia della Juve di cui era tifoso
al suo ex sindaco, Vincenzo Barrea, per accompagnarlo nel suo ultimo viaggio. Ingegnere, 52 anni, attuale consigliere di maggioranza e di opposizione in Città metropolitana, Barrea è morto improvvisamente sabato sera inseguito ad un infarto. Almeno 2500 le persone che hanno voluto onorare con la loro presenza questo personaggio di primo piano non solo nella politica locale, ma dell’intera area metropolitana.  Alle esequie, celebrate dal parroco don Stefano Turi, hanno presenziato tra gli altri i 316 sindaci della Città metropolitana, la prima cittadina di Torino, Chiara Appendino, il presidente della Regione Sergio Chiamparino e numerosissimi amministratori regionali, provinciali e locali. Presenti anche tutte le associazioni con i loro labari e anche la ex miss Italia, eletta proprio quando Barrea era sindaco,  Cristina Chiabotto. Toccante e pieno di significato il momento in cui il feretro e il corteo funebre si sono fermati per qualche minuto davanti al municipio di Borgaro in totale silenzio, per anni luogo di lavoro e di grandi progetti per Barrea. Commoventi le parole del parroco nel commemorarlo e per confortare l’inconsolabile compagna, Barbara e del sindaco, Claudio Gambino che ha voluto ricordare il suo grande impegno come amministratore e come amico.





Mappano - Ordinanza sui botti di fine anno. Festeggiare con prudenza!


A leggere l'ordinanza del Comune di Mappano la numero 36 dal titolo "Limitazioni ai botti di Capodanno" viene subito da pensare che da parte degli amministratori mappanesi si è utilizzato del sano realismo . Nella prima parte dell'ordinanza si danno dei consigli utili e di buon senso ai cittadini mappanesi "Con questa ordinanza si invitano i cittadini, qualora si utilizzino artifici pirotecnici normativamente consentiti, a preferire i prodotti basati su giochi di luce ed effetti visuali, in quanto maggiormente rispettosi della quiete pubblica in rapporto ai “botti” ad elevata rumorosità. Inoltre si ricorda di prestare la massima attenzione alla presenza di bambini o altri soggetti fragili che dovranno essere tenuti a debita distanza dall’area di utilizzo dei “fuochi” e comunque in condizioni di massima sicurezza" . Nella seconda parte si indicano chiaramente i divieti in ambito pubblico "Inoltre, ai fini della tutela dell’incolumità pubblica dei cittadini nonché per la sicurezza urbana e per la protezione degli animali e del patrimonio pubblico viene fatto divieto di utilizzo di petardi, botti e artifici pirotecnici di ogni genere nei luoghi di aggregazione o comunque in tutti quelli affollati, nelle aree a rischio di propagazione di incendi, nei pressi di monumenti, edifici pubblici, aree a valenza naturalistica o ambientale, nonché nei pressi di scuole e luoghi di culto dalla data del 31 dicembre 2018 a tutto il 1 Gennaio 2019". Solita domanda finale a poche ore dalla fine dell'anno : i mappanesi rispetteranno queste limitazioni e divieti? Speriamo nel buon senso come suggerito dai loro amministratori!
DeVeDa

domenica 30 dicembre 2018

Borgaro - Grande dolore della comunità di Borgaro per la morte di Vincenzo Barrea. Le parole del sindaco Gambino, del vicesindaco Federica Burdisso e della comunità lucana. Rosario questa sera alle 19, funerali domani, 31 dicembre alle 15




La notizia della morte di Vincenzo Barrea arrivata nella serata di ieri ha sconvolto l’intera comunità di Borgaro. Basta leggere le migliaia di commenti apparsi sui social per capire l’effetto di evento così inaspettato che ancora oggi continuare a lasciare increduli e attoniti . Al di là delle condoglianze in moltissimi hanno ricordato il loro rapporto di amicizia e di stima a Barrea frutto del suo ruolo politico e sociale proprio di chi fa politica amministrativa dal basso come fa un amministratore locale  in prima persona e mettendoci la faccia cercando di risolvere i problemi anche a fronte di critiche e giudizi negativi o scorretti. In tanti abbiamo scritto hanno fatto conoscere il loro stato d’animo in questo ore ad iniziare dal sindaco Claudio Gambino succeduto proprio a Barrea nel ruolo di primo cittadino di Borgaro. 

Scrive Gambino:
“Sei stato un grande Sindaco, un grande amico e un fratello! Hai amato la nostra Città e ti sei preso cura della nostra Borgaro per tanti anni... E adesso che uno strano destino ti ha portato lassù vicino alla tua amata mamma hai lasciato in mezzo a noi un vuoto terribile. Ognuno di noi ti deve qualcosa e oggi tutti noi siamo un pò più poveri. La cosa migliore che possiamo fare per onorare la tua memoria e il tuo ricordo è continuare a lavorare per la Citta con impegno e passione come ci hai insegnato. I tanti attestati di stima e d'affetto che arrivano in questo terribile momento sono la dimostrazione che ciò che hai fatto non muore con te ma resta in mezzo a noi come fulgido esempio per continuare negli anni a venire ad operare per il bene della comunitá. Ti prometto che cercheremo di non piangere la tua assenza nella convinzione che da lassù continuerai a proteggere la tua Città. Ciao fratello. Ciao Sindaco. Ciao Vincenzo".

Commovente e toccante la testimonianza del vicesindaco Federica Burdisso:
“Fede, ti ho presa che giocavi in un cortile..” quante volte me l’hai detto.. e nel dirlo lasciavi sempre trapelare una punta di orgoglio, mai in eccesso, il giusto per spronarmi ad andare avanti e per riconoscerti che quella che sono oggi lo devo a te e alla tua lungimiranza.. e di questo te ne sarò per sempre grata. Un dolore grande, grandissimo.. non riesco ancora a crederci.. fa male. Ciao Vincenzo

Anche la comunità lucana di Borgaro  ha espresso attraverso la sua pagina facebook il suo grande cordoglio :
“Con immenso dolore Vi comunico una notizia devastante e dolorosa: il nostro concittadino socio onorario ing. Vincenzo Barrea Da ieri sera ha raggiunto la sua cara mamma tra gli angeli del cielo... 
È inverosimile ed inspiegabile ma è accaduta questa tremenda realtà... 
Tutto il Gruppo,il direttivo ,l’Associazione, amici e soci si uniscono al profondo dolore di Barbara , della famiglia Barrea e di tutti coloro che hanno avuto l'onore di conoscerlo...una grave perdita per la città di Borgaro Torinese e per tutti”.







sabato 29 dicembre 2018

Borgaro, un infarto stronca l'ex sindaco Barrea

Vincenzo Barrea, classe 1966, è morto poco fa. L'ex sindaco è stato stroncato da un infarto che, nonostante i soccorsi, non gli ha dato scampo. Ingegnere, Barrea si era avvicinato alla politica nel 1995 dopo una breve parentesi giornalistica, entrando nella Giunta del sindaco Giuseppe Vallone come assessore esterno. Successivamente aveva coperto anche l'incarico di vicesindaco, sempre con il primo cittadino Vallone, e poi, nel 2004, la prima elezione a sindaco, bissata cinque anni dopo dal secondo trionfo alle urne. Nel 2014 aveva partecipato alla lista guidata da Claudio Gambino, scendegliosi un ruolo più defilato come consigliere (consigliere delegato alle opposizioni, si diceva scherzando, dal momento che i suoi interventi erano spesso indirizzati a riprendere le critiche mosse dalle minoranze), accompagnando questo incarico a quello di consigliere della Città Metropolitana.
Com'è facile intuire la notizia ha fatto rapidamente non solo il giro della città, ma anche dei Comuni vicini, dove Barrea era conosciuto non solo per gli incarichi ricoperti (anche in Seta), ma anche per la sua innegabile capacità oratoria e politica, per quel modo di fare sempre incisivo, per quella voglia di
fare politica. Ciao Vincenzo





Caselle - Appello del Comune ai casellesi per un Capodanno senza botti!


Il Comune di Caselle fa appello a tutti i concittadini di festeggiare il Capodanno senza botti . Nel sito del del comune è infatti apparso l'appello con titolo significativo " Festeggiamo senza botti" . Un appello che è in linea con i provvedimenti degli scorsi anni. L'appello continua così:
"Nell'inviare a tutti i cittadini i migliori auguri per il nuovo anno, si rinnova l'invito ad evitare l'uso di materiale esplodente e spray al peperoncino durante le feste e la notte di Capodanno, festeggiando serenamente, senza mettere a rischio l'incolumità degli adulti, degli animali e soprattutto dei bambini. L'uso di botti, oltre a violare il rispetto per la quiete, può determinare il danneggiamento del patrimonio pubblico e privato, così come dell'ambiente naturale. Festeggiamo dunque senza botti!  L'Amministrazione Comunale". I Casellesi accoglieranno l'appello del Comune ? 

Caselle - L' Aeroporto di Torino aderisce al progetto " Autismo - In viaggio attraverso l'aeroporto " dell’ENAC.


L'iniziativa ideata dall'ENAC con la collaborazione di Assaeroporti, le associazioni di settore e le società di gestione aeroportuale per facilitare l'accesso in aeroporto e il viaggio in aereo per le persone con autismo. Per queste persone, infatti, affrontare l'esperienza del volo può essere molto difficile: attraverso un percorso formativo specifico erogato da CPD - Consulta per le Persone in Difficoltà Onlus con il coinvolgimento delle Associazioni locali Luce per l'Autismo, A.M.A. Asti e A.M.A. Torino, il personale aeroportuale dello scalo torinese è da oggi in grado di offrire un supporto qualificato nell'accogliere i passeggeri con autismo, facilitando gli accompagnatori nel far vivere con maggiore serenità il viaggio in aereo e garantendo così a passeggeri con autismo il pieno godimento del diritto alla mobilità.

Attraverso la pagina web dedicata www.aeroportoditorino.it/autismo è possibile consultare la "Storia Sociale" ovvero la descrizione degli ambienti e il racconto del percorso che i passeggeri si troveranno ad affrontare; una brochure informativa con ulteriori raccomandazioni rivolte agli accompagnatori; le istruzioni per organizzare una visita dell'aeroporto nei giorni prima del viaggio al fine di acquisire confidenza con l'ambiente e sperimentare le vari fasi della permanenza nello scalo.

Il Direttore Generale dell'ENAC Alessio Quaranta ha dichiarato: "Un aspetto importante della qualità dei servizi di assistenza ai passeggeri è certamente quello di garantire l'accesso all'infrastruttura aeroportuale a tutti i cittadini. Per tale ragione l'adesione a questo progetto speciale riveste un'importanza sociale in quanto permette di accogliere adeguatamente le, persone affette dallo spettro autistico e i loro familiari e rendere possibile anche per loro l'esperienza del viaggio aereo. Accogliamo con soddisfazione lo spirito di partecipazione a questo progetto avviato nel 2015 e progressivamente adottato da quasi tutti i principali scali nazionali".
L'Amministratore Delegato di SAGAT Roberto Barbieri ha affermato: "Nell'Aeroporto di Torino tutti devono vedere riconosciuto il loro diritto alla mobilità e ad avere la migliore esperienza di viaggio possibile: per fare ciò siamo impegnati quotidianamente a dare il massimo delle nostre capacità lavorative e umane. Siamo felici di poter offrire alle persone con autismo e ai loro accompagnatori un supporto qualificato: l'adesione al progetto va appunto in questa direzione e attraverso il dialogo continuo con le associazioni e gli stakeholder continuiamo a migliorare i servizi offerti ai passeggeri".

Caselle - Al via da questa sera, 29 dicembre, il progetto "Caselle al cinema"


Erica Santoro
Creare un percorso di promozione e scoperta della cultura cinematografica,sabato 29 dicembre e si protrarrà fino a febbraio. Quattro serate dedicate al cinema di animazione con proiezioni di film noti e di successo, una serata dedicata alla riflessione e un incontro formativo che come idea di base la creazione di cinefili anche a Caselle. 
soprattutto per i giovani. E' l'obiettivo del progetto "Caselle al cinema, nato da una proposta dell'associazione Museo Nazionale del Cinema, che prende avvio questa sera,
Si inizia questa sera alle 20,30 in sala Cervi con l'incontro e la proiezione del film "Pets"; domenica 13 gennaio alle 16, "Ferdinand"; domenica 20 gennaio, sempre alle 16, "Sing" e domenica  3 febbraio, ancora alle 16 "Zootropolis". 
Venerdì 18 gennaio, alle 20,30 è la volta di un film documentario, "Storia di 1 tram". Gli spettatori  verranno accompagnati nella storia torinese dell'inizio della Seconda guerra mondiale seguendo tre macro filoni: la Torino del fermento culturale e del mondo universitario, la Torino dei salotti, teatri e divertimentoi proibiti e la Torino delle leggi razziali, della repressione fascista e della cospirazione anti regime. Alla proiezione saranno presenti i due registi, Elis Karacaci e Alessandro Genitori che introdurranno e dialogheranno con il pubblico.
Infine, venerdì 15 febbraio, alle 20,30 è in programma "Passione cinema" un incontro formativo su come organizzare iniziative in ambito cinematografico e per la creazione di un gruppo di cinefili a Caselle. 
"Sempre più viviamo in un mondo fatto di immagini - spiega l'assessora alle politiche culturali, Erica Santoro - -. E' forse giunto il momento di comprendere e ricordare come anche il cinema sia stato e possa continuare ad essere veicolo culturale e di messaggi. Coinvolgere soprattutto le fasce più giovani in questo sforzo significa dare loro la possibilità di essere domani più consapevoli dei mezzi di comunicazione, del loro potere e del loro uso".
Aggiunge Vittorio Scaverani, presidente dell'AMNC: "la nostra associazione è lieta di proseguire la collaborazione con il Comune di Caselle condividendo la propria esperienza e mettendo a disposizione strumenti utili per mettere in moto processi di cittadinanza attiva attraverso la cultura cinematografica".
Tutte le proiezioni sono ad ingresso gratuito

Mappano - Convenzione con la Croce Rossa per la Protezione Civile


Grazie ad una convenzione sottoscritta ieri sera, venerdì 28 dicembre, con la
Croce Rossa, anche Mappano potrà finalmente redigere il suo piano di Protezione Civile. Piano che, come ha sottolineato il comandante di vigili, Paolo Bisco "chiarisce perfettamente le responsabilità del sindaco, attribuendogli ampio margine di azione, senza incappare come è accaduto altrove, in guai di tipo penale. Il piano partirà dalla mappatura del terriotrio, in parte già realizzata dalla CRI mappanese, evidenziando tutti i possibili rischi antropici e naturali. La CRI, che conta 150 volontari, come ha spiegato il responsabile, Riccardo Giuliano si è offerta alla collettività (per cui fa già moltissimo) per questo importante lavoro e ha offerto piena disponibilità ad ospitare presso la sede attrezzature di prima necessità. Certo i volontari deisidererebbero una collocazione più vicina al paese, ma per questo bisognerà ancora attendere.
"Siamo felici di annunciare un importante traguardo di collaborazione tra l'amministrazione comunale e la Croce Rossa Italiana di Mappano - commenta il sindaco, Francesco Grassi -. Grazie alla professionalità e disponibilità degli amici di Croce Rossa Italiana nel 2019 sarà operativa la convenzione per il servizio di protezione civile. Attraverso questo accordo lavoreremo insieme per consolidare il piano comunale di Protezione Civile avendo a disposizione persone e mezzi di Croce Rossa Italiana. È un altro traguardo nel cammino di costruzione del nostro comune, ma è anche un altro importante tassello di collaborazione con CRI. Sono particolarmente contento che questa sia una realtà nata e cresciuta nella nostra comunità e che oggi può mettere a disposizione del proprio territorio". 

Volpiano - Approvato il bilancio, ma resta il problema del turn over del personale



L’approvazione del bilancio è stata la protagonista quasi assoluta dell’ultimo
Giovanni Panichelli
Consiglio comunale dell’anno. L'assessore alla alle finanze, Giovanni Panichelli, ha rimarcato la soddisfazione dell'amministrazione per aver portato anche quest'anno il bilancio in approvazione entro la scadenza del 31 dicembre, evitando l'esercizio provvisorio, nonostante le molte perplessità legate alla legge di Bilancio dello Stato ancora all'esame del Parlamento. Undici milioni e 891mila euro sono state le entrate correnti e 11 milioni 616mila euro le spese. Gli investimenti sono stati 2 milioni e 900mila euro. Buone notizie per i volpianesi per cui non cambiano le tariffe dei servizi a domanda individuale, né l'addizionale Irpef e neppure alle aliquote di Imu e Tasi. Su questi ultimi due punti l'assessore Panichelli ha evidenziato questa scelta politica del Comune, nonostante la legge permetta agli enti locali di incrementare la tassazione, prefigurando probabilmente il rischio che con la prossima legge finanziaria si riducano ulteriormente i trasferimenti dallo Stato. Per quanto riguarda la tassa rifiuti, in attesa dell'approvazione della finanziaria, è previsto lo slittamento di un mese delle scadenze di pagamento, ovvero al 30 aprile, 30 giugno, 31 agosto e 31 ottobre (o in unica soluzione al 31 luglio).
Sull'ipotesi del blocco del turn over nella Pubblica amministrazione (cioè assunzioni a fronte di pensionamenti) è intervenuto il sindaco, Emanuele De Zuanne: “Auspico per il nostro Ente che ciò non avvenga perché questo è il problema più importante. Il Comune di Volpiano ha i conti in regola da molti anni e non è mai ricorso all'anticipo di tesoreria, come accade in molte altre amministrazioni, utilizzando invece fondi propri e rendendosi così indipendente dalle decisioni esterne. La spesa pro capite per il personale è tra le più basse della provincia di Torino. Potremmo assumere attraverso le mobilità da altri enti ma, essendo quasi tutti sotto organico, questa procedura è sempre meno efficace. Se non possiamo fare concorsi per inserire nuovo personale, diventerà difficile, ad esempio preparare la documentazione per partecipare ai bandi pubblici e reperire così risorse per gli investimenti, come accaduto negli anni scorsi, oppure seguire le pratiche dopo aver vinto i bandi, e saremo costretti a valutare ipotesi di riorganizzazione degli uffici.






venerdì 28 dicembre 2018

Torino/Cintura Metropolitana - Fine anno senza blocchi antismog per Euro 4 .


Evitati i  blocchi anti smog fino a fine anno. Nonostante l’aria a Natale sia stata peggiore del previsto, anche se di poco sopra la soglia consentita. Non scatteranno  divieti di circolazione per le auto diesel euro 4, che potranno viaggiare liberamente fino al 31 dicembre . Nel giorno che conclude l’anno  ci sarà da parte dei tecnici dell’Arpa il nuovo
controllo per eventualmente attivare  il semaforo dal primo giorno del nuovo anno. Questo provvedimento è anche legato alla condizioni meteorologiche. La verifica del livello degli inquinanti non ha  rivelato  sorprese positive. Dopo il calo delle polveri sottili, di venerdì e sabato, domenica c’è stata una lieve risalita, compensata poi dai dati di lunedì, una giornata che Arpa ha certificato “verde”, ovvero “in regola”. Ricordiamo che per accendere il semaforo arancione  e bloccare 100 mila diesel tra Torino e provincia bisogna avere  quattro giorni consecutivi di sforamenti. Diversa la situazione da lunedì 31 , con il nuovo controllo: se si confermeranno le previsioni a quel punto di giorni precedenti e consecutivi di inquinamento fuori norma saranno sei, con il rischio concreto di iniziare il 2019 con la circolazione vietata per i diesel euro 4 mentre lo  ricordiamo per le auto fino a euro 3  il divieto di circolazione rimane fino a marzo 2019. .                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                             


giovedì 27 dicembre 2018

Mappano - Il "Mappano Volley" presenta le sue atlete.


Con una grande festa all’insegna dello sport e dell’amicizia, il “Mappano Volley” ha presentato domenica scorsa, presso la palestra di Via Generale Dalla Chiesa, le sue atlete, suddivise in varie squadre, accanto a tutto lo staff tecnico ed organizzativo, vero cuore pulsante di questo storico sodalizio sportivo. A condurre la serata, di fronte ad oltre ad un centinaio di partecipanti, il presidente del “Mappano Volley” Gianluca Pinna, supportato dal vice Raffaele Cece. “Siamo orgogliosi delle nostre compagini sportive – ha esordito il presidente Pinna – e siamo certi che tutte le nostre atlete ci daranno grandi soddisfazioni nelle prossime competizioni. Lo staff tecnico ed organizzativo – ha concluso Pinna – è pronto a sostenere i loro sforzi ad ogni livello”. Il direttivo del “Mappano Volley” è costituito da Mirella Cicerelli, Cristina Conti, Gabriella Freguglia, Fabrizio Turletti, Cristian Ragni e Tiziana Palmieri. Maurizio Carraro è l’allenatore della squadra under 16, Antonio Sartori allenatore 2° divisione; Tiziana Palmieri secondo allenatore 2° divisione. Pier Luigi Agnano per il settore mini volley, Erika Tomasoni secondo allenatore mini volley. Manuela Lapiccirella allenatore under 12 e Luca Sterpone allenatore under 14. Patrizia Vascimino allenatrice dei Gpd (Giocare per divertirsi), infine la squadra dei genitori delle giovani atlete i “Duri da Battere” Durante la serata sono stati ringraziati anche gli sponsor della “Mappano Volley”: la Reale Mutua Assicurazioni subagenzia di Mappano nella persona di Lucio Scimeca; la Cmi noleggi e l’officina autoriparazioni Colomba di Torino. L’associazione sportiva dilettantistica “Mappano Volley” è presente sul territorio da oltre trent’anni. Questo sodalizio nasce infatti a metà degli anni ottanta del secolo scorso, dopo la separazione dall’altra storica società sportiva presente a Mappano in quell’epoca la Pgs Oasi. Scelta, all’epoca molto sofferta, nata per consentire agli atleti che aderirono alla nuova società, di potersi cimentare in una forma un po’ più tecnica-agonistica, allo sport della pallavolo, partecipando anche ai campionati della federazione italiana pallavolo, ma restando comunque legati a quelli che erano  e sono i sani principi dell’educazione sportiva salesiana. Inizialmente la società si sviluppò sia attraverso squadre maschili che femminili. Ma alla fine degli anni novanta, scelse di indirizzarsi esclusivamente verso il settore femminile. Diventando, in questo modo, un punto di riferimento nella prima cintura nord di Torino, per tantissime ragazze, che si sono avvicinate allo sport della pallavolo, attraverso il “Mappano Volley”. “I nostri obiettivi – ricorda il presidente – erano e sono ancora oggi quelli di promuovere la crescita armonica dei giovani, attraverso lo sport, mediante la valorizzazione delle potenzialità delle relazioni, del gruppo, dell’ascolto e del supporto reciproco”. Il “Mappano Volley” è un sodalizio sportivo in costante crescita sul territorio mappanese, in grado di offrire preziose opportunità di aggregazione per i giovani di Mappano e non solo.
Davide Aimonetto