Periodico di vita e cultura locale a cura dell'associazione PAROLE & MUSICA onlus.

mercoledì 19 dicembre 2018

Nasce la rete del Nodo metropolitano antidiscriminazioni


Si è svolto oggi, mercoledì 19 dicembre nella Sala Consiglieri di Palazzo Cisterna l’incontro pubblico di presentazione dei Punti informativi contro le discriminazioni della rete metropolitana di Torino. Alla presentazione sono intervenute la consigliera delegata alle pari opportunità della Città metropolitana Silvia Cossu e l’assessora alle pari opportunità della Regione,  Monica Cerutti.
“La rete si articolerà su tutto il territorio metropolitano con oltre 52 diversi punti informativi - spiega Cossu - gestiti da 29 differenti enti/associazioni”.
Nei mesi scorsi, la Città metropolitana ha istituito il Nodo territoriale contro le discriminazioni che fa parte della Rete regionale, il cui compito sono la prevenzione e il contrasto delle discriminazioni e l’assistenza alle vittime .
Il lavoro congiunto su questo tema tra  Regione e Città metropolitana è stato formalizzato attraverso la sottoscrizione di un protocollo d’intesa che ha previsto, fra l’altro, la creazione di uno sportello di accoglienza presso la Città metropolitana per l’orientamento, la presa in carico delle persone segnalanti, la gestione dei casi di discriminazione e l’attivazione della rete dei Nodi e dei Punti informativi sul territorio metropolitano.
Le candidature sul territorio per realizzare i Punti informativi sono state numerose e la Città metropolitana ha avviato due corsi di formazione “In fase di avvio del lavori,  speravamo di raccogliere candidature sufficienti per costruire una rete con almento un Punto informativo per ciascuna area omogenea , cioè in totale 12 compresa la Città di Torino - prosegue Cossu - in realtà gli enti e le associazioni che si sono candidati a diventare Punti informativi sono stati complessivamente 43 e in alcuni casi sono state candidate più sedi sul territorio metropolitano, come nel caso dell’Agenzia Piemonte Lavoro che ha candidato nove Centri per l’impiego. Alla chiusura dell’avviso le candidature per diventare operatori/trici dei Punti Informativi sono state complessivamente 52.
Ora i Punti informativi sono pronti e diventano pienamente operativi. In questo modoci auguriamo di sostenere e aiutare un ampio numero di cittadini e cittadine e contribuire diffondere una cultura inclusiva e rispettosa dei diritti di tutti e di tutte”.