Periodico di vita e cultura locale a cura dell'associazione PAROLE & MUSICA onlus.

lunedì 17 dicembre 2018

Volpiano - Cassa integrazione per i lavoratori Comital, la soddisfazione del sindaco De Zuanne

Emanuele De Zuanne
L'accordo per la cassa integrazione  c'è. I curatori fallimentari  Comital e Lamalù hanno ottenuto dal tribunale l’autorizzazione a richiedere la cassa integrazione straordinaria per cessazione. È quanto emerso al termine del tavolo regionale convocato dall’assessorato al lavoro dopo l’incontro dell’11 dicembre scorso al ministero dello Sviluppo economico nel corso del quale sono stati resi noti i contenuti della circolare applicativa del articolo 43 bis del cosiddetto "Decreto Genova". 
Gianna Pentenero
I curatori hanno spiegato che, dopo aver approfondito gli aspetti tecnici della circolare, sussistono le condizioni per far sì che i lavoratori di Comital e Lamalu possano accedere alla domanda di cassa integrazione straordinaria.
Ora azienda e sindacati torneranno al ministero del lavoro per sottoscrivere entro fine anno il cosiddetto esame congiunto e far partire la cassa dal 2 gennaio, per la durata di un anno.
Sono naturalmente soddisfatta - dichiara l’assessora al Lavoro Gianna Pentenero - per la possibilità che i lavoratori delle due aziende, dopo mesi di incertezze, possano beneficiare di una boccata di ossigeno. La richiesta di cassa sarà accompagnata da un accordo sulle politiche attive del lavoro, che la Regione  metterà in campo per favorire la riqualificazione e ricollocazione dei lavoratori. Intanto stiamo lavorando per ottenere il primo possibile la convocazione al ministero e per riattivare la procedura che consente l’anticipo dell’indennità di cassa”.
Commenta il sindaco di Volpiano Emanuele De Zuanne: "Sono soddisfatto di questo passaggio perché consente ai lavoratori di avere maggiore serenità e auspico che al più  presto lo stabilimento venga acquistato e rimesso in attività".