Periodico di vita e cultura locale a cura dell'associazione PAROLE & MUSICA onlus.

giovedì 17 gennaio 2019

Qualità dell'aria: serve una cabina di regia e un'ordinanza tipo unitaria per i blocchi in tutta l'area metropolitana


Si è svolta oggi pomeriggio, giovedì 17 gennaio, la riunione del Tavolo sulla qualità
Barbara Azzarà
dell’aria, in Città metropolitana.Presenti 
buona parte di sindaci e amministratori dei 33 comuni dell’area, individuati dalla Regione per definire lo schema dei blocchi del traffico che scattano in situazioni di emergenza, in applicazione delle disposizioni del Protocollo padano.
In apertura dell’incontro tecnici dell’Arpa hanno presentato agli amministratori locali lo studio sulla determinazione del contributo delle emissioni da traffico veicolare sui livelli di PM10 e biossido di azoto. Una sintesi del lavoro è consultabile sul web dell’Agenzia alla pagina http://www.arpa.piemonte.it/news/livelli-di-pm10-nel-2018-per-la-prima-volta-il-valore-limite-della-media-annuale-rispettato-in-tutto-il-piemonte 
Sui dati esposti, sulle tipologie di emissione che prendono in considerazione non solo il traffico veicolare ma anche su quanto viene disperso in atmosfera a causa del riscaldamento e di alcune attività produttive, il confronto con gli amministratori dell’area metropolitana è stato serrato ed ha messo in luce le diverse criticità, ma anche la volontà di giungere a provvedimenti utili al miglioramento della qualità dell’aria.
Gli uffici della Città metropolitana invieranno nei prossimi giorni a tutte le amministrazioni locali una mappa ricavata dalle ordinanze comunali per procedere ad un miglioramento della viabilità.
“Per quanto riguarda il traffico e le aree sottoposte alle note limitazioni in tutti i comuni – ha annunciato la consigliera delegata della Città metropolitana di Torino  l'assessoBarbara Azzarà - i sindaci dovranno inviarci entro dieci giorni il loro parere e le eventuali modifiche alla proposta di mappa sulla viabilità che abbiamo illustrato oggi. Si tratta di rendere le informazioni sulle strade più agevoli per gli automobilisti per spostarsi sul territorio da un comune all’altro senza incorrere in sanzioni e rispettare così le restrizioni nelle aree previste dalle varie ordinanze. La mappa, una volta completata e in versione definitiva, verrà pubblicata sul nostro sito e su quello dei comuni a disposizione di tutti”.

E' stato, infine, trattato anche l’argomento della riduzione dei passaggi dei mezzi di trasporto pubblico, in alcuni giorni, in particolare il 25 dicembre e durante le giornate di sciopero. "In quest’ultimo caso – sottolinea Azzarà - occorre pensare alla costituzione di una cabina di regia per agire tutti insieme con un’unica ordinanza tipo, valida in tutto il territorio metropolitano, una sorta di automatismo da attuare non appena viene annunciato uno sciopero dei mezzi di trasporto pubblico locale”.