Lun, 15 Ago, 2022

L'esordio del Grassi bis, va in segna nel segno della continuità, davanti ad un pubblico numeroso

Nulla di nuovo (o quasi) sotto il cielo di Mappano: stessi assessori e stesso presidente del Consiglio

Passata l’euforia di cinque anni fa, quando si insediava il primo Consiglio comunale della neonata municipalità mappanese, il Grassi bis, di lunedì, si è svolto nella tipica routine amministrativa, anche se, il riconfermato sindaco di Mappano, solo per un attimo, con i ricordi, è tornato al suo primo insediamento, quando, allora, neppure la fascia tricolore era disponibile.

Dimostrazione plastica che in quel nascente Comune mancava tutto. Per fortuna a distanza di cinque anni non è più così e Grassi si accinge a vivere un nuovo mandato sicuramente ricco di progetti e iniziative. Del resto può contare fin da subito, su di una squadra affiatata e compatta. La stessa che lo ha accompagnato in questi cinque anni.

Grassi ha fatto suo il motto sportivo: squadra vincente non si cambia. E se qualcuno aveva timidamente accampato la richiesta di cambiare l’organigramma amministrativo, è rimasto sicuramente deluso. Dopotutto la linea di Grassi era già stata tracciata fin dalla presentazione della sua lista, nella ferma decisione di ricandidare in blocco tutti gli assessori uscenti. Scelta questa più che mai vincente. Visto che l’elettorato mappanese li ha promossi tutti, ed a pieni voti. Sorte analoga per il presidente del Consiglio comunale uscente Sergio Cretier.

Il sindaco Grassi continua dunque per la sua strada, riconfermando gli stessi assessori, nei posti chiave, già ricoperti nella sua prima Giunta. Non dimenticandosi di rivolgere un pensiero a «Tutti quei mappanesi che ci hanno sostenuto – come ha ricordato il primo cittadino, rivolgendosi ad un pubblico numeroso riunito per l’occasione, in Sala Garofalo – e che continuano a credere in questa amministrazione e nei suoi progetti».

Dunque nessuna novità o scossone rispetto al recente passato amministrativo. Infatti “continuità” è stata la parola d’ordine scelta dal sindaco Grassi, che ha messo a tacere sul nascere, eventuali malumori accompagnati da richieste di riposizionamento all’interno della maggioranza, uscita vincente dalla competizione elettorale del 12 giugno.

«I quattro “pionieri” che hanno costituito con me le fondamenta del Comune di Mappano – dichiara il sindaco Grassi – sono riconfermati nei rispettivi assessorati, con Paola Borsello nel ruolo di vicesindaca, incarico già ricoperto negli ultimi cinque anni».

Scontata lunedì, anche la rielezione di Sergio Cretier, nel ruolo di presidente del Consiglio, incarico già ricoperto nella precedente consigliatura mappanese. Massimo Tornabene, “Mister Preferenze”, è tornato dunque a ricoprire l’incarico nel settore dell’Urbanistica e Lavori Pubblici. Davide Battaglia l’assessorato al Bilancio, Tributi, Attività Economiche e produttive; anche Paola Borsello quindi continuerà ad occuparsi di Personale, Trasparenza e Legalità. Idem per Cristina Maestrello, che ha riavuto le sue deleghe: Politiche Sociali, Sanitarie, Sport, Cultura e Tempo Libero. 

«In ogni caso – sottolinea Grassi – tutti i consiglieri di maggioranza sono pronti a contribuire in modo attivo e competente alla realizzazione del nostro ambizioso programma».

Pochi i volti nuovi nella maggioranza che sostiene Grassi. Appena due le new entry: dalla giovane Alessandra Lerda, alla sua prima esperienza, che debutta accanto ad Enzo Giammalva. Riconfermati fra i banchi dell’opposizione due veterani della scena politica locale: Valter Campioni e Gigi Gennaro, affiancati da Marcella Maurin, non nuova ad incarichi amministrativi in quel di Borgaro, ma che per la prima volta si cimenterà nel ruolo, per lei inusuale, di consigliere d’opposizione, a Mappano, e la neofita Manuela Smario, che però è già stata eletta vicepresidente del Consiglio comunale. 

Si è chiuso così l’insediamento del secondo Consiglio comunale e del Grassi bis: grandi sorrisi e pacche sulle spalle, ma da domani tutti al lavoro. Certamente sono rimasti a bocca asciutta coloro che scommettevano sul “toto assessori”. Dibattito che, tradizionalmente, infiamma sempre il confronto interno a qualunque maggioranza destinata a governare un Comune. A Mappano pare che così non sia stato. Anzi, quello che si è avuto modo di assistere, nel primo Consiglio del Grassi bis, è stato un passaggio di incarichi nella più totale continuità amministrativa.

Come del resto gli elettori avevano chiesto.

Image

Torino e area metropolitana

Non Solo Contro

Il giornale è a cura dell'Associazione Culturale onlus NonSoloContro.
Registrazione n. 2949 del 31/01/2019 rilasciata dal Tribunale di Torino
Direttore responsabile: Nadia Bergamini

Per la pubblicità

ABC Marketing e Comunicazione 
P.I. 124160015

abc.marketing.comunicazione@gmail.com

 Tel.: 3935542895 - 3667072703