Periodico di vita e cultura locale a cura dell'associazione PAROLE & MUSICA onlus.

mercoledì 25 aprile 2018

Leini, la visita di Nicoletta Mantovani

È durata poche ore, sufficienti, però, per gettare le basi per una futura e proficua collaborazione. La presidente della Fondazione Pavarotti, Nicoletta Mantovani, venerdì scorso ha raggiunto Leini per una visita privata al teatro che porta il nome del grande tenore modenese. «Questo teatro – ha commentato – ha una straordinaria personalità, lo si percepisce appena entrati. E’ stato un progetto di recupero che ha consegnato alla città un luogo di straordinaria qualità. Nel corso della mia vita ho visto molti teatri, e quindi è difficile che resti colpita. Oggi però è successo, anche per lo straordinario riconoscimenti che Leini ha voluto tributare a Luciano». Il colloquio avuto con il sindaco Gabriella Leone ha portato alla definizione di una iniziativa, in programma a settembre, incentrata sulla figura e sulla musica del maestro. «Con il sindaco ho condiviso la volontà che questa intitolazione non sia soltanto un episodio, un momento, ma diventi una collaborazione più intensa anche nello spirito della divulgazione delle arti e della musica alle nuove generazioni, una delle missioni che Luciano ha coltivato tutta la vita», ha aggiunto. Quella del prossimo 22 settembre, quindi, non solo sarà una giornata che vedrà Leini al centro di una serie di iniziative dedicate al teatro, al Maestro e alla musica lirica, ma sarà la prima di una lunga serie di iniziative che si snoderanno nel corso dei prossimi anni. «Questo primo incontro è stato privato, voluto per ammirare questo teatro e per definire l’appuntamento di settembre – ha concluso – Tornerò a Leinì per quella data, e sarà l’occasione giusta, per me, per ringraziare la vostra comunità per questo straordinario progetto».
«Un incontro molto emozionante e gratificante – ribadisce il sindaco, Gabriella Leone – Le sue parole di apprezzamento per il teatro devono essere condivise con tutti i componenti della mia squadra e con i dipendenti del Comune che, ciascuno per il suo settore, hanno lavorato sodo e bene per trasformare un sogno in una realtà. Ora inizieremo ad organizzare l’appuntamento di settembre e l’intero percorso pluriennale di collaborazione, perché tutto possa funzionare al meglio e perché questa iniziativa possa davvero rappresentare un momento  di prima grandezza per la storia culturale di Leini».