Periodico di vita e cultura locale a cura dell'associazione PAROLE & MUSICA onlus.

mercoledì 18 maggio 2016

Borgaro, tornelli per salire sul 69

Marco Latella, Cristiana Sciandra e Alessandro Ferricchio
Tornelli, come allo stadio più o meno, sui mezzi della linea 69 (e perché no, anche sulle altre) per impedire a coloro che sono sprovvisti di biglietto, o abbonamento, di salire. «I cittadini, per usufruire di quel servizio, pagano. È giusto che chi non lo fa rimanga a terra. Per questo chiederemo all’Amministrazione, attraverso una mozione, di sollecitare Gtt a muoversi in questa direzione, adottando questa soluzione e installando i tornelli sui mezzi». Un modo nuovo, da parte del gruppo Latella, per affrontare un problema vecchio come il mondo, almeno per Borgaro, come quello dei disagi arrecati a studenti e pendolari dai Rom che utilizzano quella linea: «Anche se in questo caso il provvedimento andrebbe a colpire tutti coloro che non sono in regola con il pagamento della corsa, che si tratti di Rom, di italiani o di cittadini di altre nazionalità». E non è tutto. Perché il gruppo, nel corso del prossimo Consiglio comunale, porterà anche una seconda proposta sempre in tema di trasporti: «Abbiamo visto, esaminando il bilancio, che sono stati stanziati 3 milioni e 800mila euro per il completamento di via Lanzo - ribadiscono i consiglieri Marco Latella, Cristiana Sciandra e Alessandro Ferricchio - Con un nostro emendamento chiederemo di togliere quei soldi e di impiegarli in opere di manutenzione sul territorio. Anche se il nostro sogno sarebbe quello di una linea di trasporto che colleghi Borgaro con il centro di Torino».
Ma non c’è solo il trasporto nei pensieri del gruppo di opposizione. «Un’ulteriore proposta, visto quanto successo alla mensa scolastica di Mappano, è di chiedere all’Amministrazione di indire nel più breve tempo possibile un incontro aperto ai genitori dei piccoli alunni delle scuola, alla presenza di un referente della società che prepara i pasti, per spiegare non solo cosa è successo a Mappano, ma per rassicurare i genitori che, comprensibilmente, vivono una situazione di preoccupazione. Nella speranza, ovviamente, che sindaco e assessori continuino nel fare i controlli alla mensa. Quei controlli che sono invece preclusi all’opposizione».
Nel corso del prossimo Consiglio comunale si parlerà anche di verde pubblico, e del fatto che i lavori, a mesi di distanza da una precedente mozione, continuano ad non essere svolti a regola d’arte, e di Bilancio, con gli emendamenti, nove, protocollati dal gruppo.