Gio, 13 Giu, 2024

La musica unisce e crea legami. A dimostrarlo sono stati i ragazzi del Liceo Juvarra sul palco del Concordia

La musica unisce e crea legami. A dimostrarlo sono stati i ragazzi del Liceo Juvarra sul palco del Concordia

I riflettori del Teatro Concordia di Venaria si sono accesi per i ragazzi del Liceo scientifico Juvarra ieri sera, martedì 28 maggio, per il loro spettacolo musicale. 

Un progetto musicale e canoro che è durato tutto l’anno realizzato in collaborazione con l’associazione Cemea che ha coinvolto 24 studenti di prima e fino alla quinta, iscritti a Scienze Applicate e  all'indirizzo linguistico.

«L’obiettivo del progetto è far crescere i ragazzi coltivando la passione per la musica, per il canto ed è anche un momento formativo. Nel corso dell’anno li abbiamo visti maturare e crescere perché magari c’è chi di carattere è un po’ più timido, ma ha preso coraggio e ora canta o suona davanti a un pubblico. Questo serve anche nella vita di tutti i giorni» ha spiegato Donatella Tucci, la professoressa referente del progetto.

Sul palco i ragazzi hanno potuto esprimere il proprio talento e ripercorrere un vasto repertorio passando dalla musica dei nativi americani al jazz, dai grandi della musica leggera come Franco Battiato con “La Cura” a a Gloria Gaynor fino a Ray Charles.

Le voci sono state quelle di Angelica Salemi, Asia D'Ambrosio, Jennifer D'Ambrosio, Giorgia Potenza, Martina Cosio, Giulia Russo e Matteo Vidotto.  Alla chitarra elettrica, Gabriele Del Peschio; alle percussioni Kimberly Conte; ai pianoforti Silvia Carosso, Cristian Liccardo, Sofia Di Miceli, Jacopo Jlakaig Desario e Edoardo Molino; alle chitarre acustiche Emanuele Dos Santos, Leonardo Cotugno; alle chitarre elettriche Andrea Milan e Mattia Costanzo; ai violini Giada Scala, Daria Calin; al sassofono contralto Kristel Ciarfaglia; al clarinetto Davide Sanfilippo; alle percussioni Andrea Simone;  al pianoforte Matteo Verbaro.

La musica unisce e crea anche legami e permette anche di percorrere repertori inesplorati per le nuove generazioni «un percorso di crescita che abbiamo fatto tutti insieme. La musica ci ha uniti soprattutto quando qualcuno di noi era in difficoltà con il proprio strumento. Abbiamo ricevuto carta bianca sul repertorio e abbiamo scelto qualcosa che non conoscevamo. Un’esperienza che mi porterò come bagaglio» ha commentato Matteo Vidotto iscritto all'ultimo anno e prossimo alla Maturità. 

«Un lavoro inclusivo e un repertorio musicale eterogeneo con brani a per lo più sconosciuti ai ragazzi,  come quello dei nativi americani,  e altri noti come quelli da Lp, attraverso i quali siamo riusciti comunque a valorizzare la loro
creatività e capacità» ha dichiarato il maestro Stefano Cicerone che insegna al liceo musicale “Leonardo da Vinci” di Alba e fa parte dell’associazione Cemea.

Lo spettacolo ha avuto un enorme successo ricevendo il plauso non solo di tutti i docenti e genitori ma anche della dirigente scolastica, Luigina Castagnero e del sindaco Fabio Giulivi presenti in sala insieme alle assessore Marta Santolin e Paola Marchese.

Image

Torino e area metropolitana

Non Solo Contro

Il giornale è a cura dell'Associazione Culturale onlus NonSoloContro.
Registrazione n. 2949 del 31/01/2019 rilasciata dal Tribunale di Torino
Direttore responsabile: Nadia Bergamini

Per la pubblicità

ABC Marketing e Comunicazione 
P.I. 124160015

abc.marketing.comunicazione@gmail.com

 Tel.: 3935542895 - 3667072703