Mar, 16 Lug, 2024

Orzo perlato: gli insospettabili benefici di questo antichissimo cereale in una dieta salutare

Orzo perlato: gli insospettabili benefici di questo antichissimo cereale in una dieta salutare

Una variante  dell'orzo comune più facilmente cucinabile dalla consistenza più morbida

L’orzo perlato è un cereale, un tipo di orzo nello specifico sottoposto a perlatura cioè alla rimozione della buccia esterna e dello strato di crusca che lo rende più facilmente cucinabile e dalla consistenza più morbida.

Con poche calorie, è ricco di fibre, vitamine e minerali, quindi un vero toccasana per la salute e la dieta. Come l’orzo,  però, contiene glutine, quindi non è adatto per chi soffre di  celiachia. La perlatura, ossia il processo di raffinazione toglie parte dei nutrienti, ma questo non significa che non sia ottimo per la nostra salute

Proprietà

Va detto che 100 gr di orzo perlato apportano circa 320  calorie per lo più costituite da carboidrati. Inoltre è ricco di sali minerali, fosforo in particolare, ferro, calcio, potassio, maagnesio, zinco e silicio. Tra gli aminoacidi troviamo invece invece la niacina, la tiamina e la riboflavina. Inoltre possiede citamina A, C ed E.

Benefici

- Contrasta la stitichezza e riduce il senso di gonfiore

- Offre sollievo in caso di infiammazione

-  Può essere impiegato sia per fare degli impacchi per attenuare le infiammazioni cutanee che per tenere a bada il mal di gola (basta preparare un decotto e fare i gargarismi)

- Agisce direttamente sul processo di mineralizzazione delle ossa

- Rinforza unghie e capelli  

- Contrasta l’invecchiamento cutaneo

- Rinforza il sistema immunitario con un’azione antiossidante

- Ha proprietà galattogene ed è quindi ottimo per le donne in allattamento

Curiosità

L'orzo è il cereale più antico del mondo. Denominato anche orzo comune o coltivato, scientificamente è conosciuto come Hordeum vulgare L. Questa è la variante dalla quale si ricava l'orzo alimentare, fondamentale per l'alimentazione a livello planetario. L'origine può essere fatta risalire all'area che comprende Israele, Giordania, Siria e Anatolia Meridionale, anche se per alcuni la vera zona di origine è il Tibet.

L'orzo era un alimento molto presente nella dieta dei gladiatori romani che ne apprezzavano le sue qualità energizzanti e lo consumavano soprattutto sotto forma di zuppa. Per questo motivo venivano chiamati "hordeani", da "hordeum".

In cucina

Si può consumare in modo molto semplice, condito con un filo d'olio extravergine e parmigiano, o è un'ottima farcitura per polpette e crocchette, ma è anche gustoso per piatti unici estivi, come insalate, minestroni e zuppe.

La ricetta della settimana: zuppa di orzo perlato

Ingredienti: 150 gr di orzo perlato; 1 verza; 2 patate; 1 carota; 100 gr di legumi secchi misti; 1 cipolla; 1 gambo di sedano; 2 l di brodo vegetale

Preparazione: mettere in ammollo i legumi dalla sera precedente e al mattino risciacquarli bene sotto l’acqua fredda;  tritare cipolla e sedano, tagliare a cubetti patate e verza e mettete a soffriggere il tutto in una pentola capiente con un filo d’olio; unire poi i legumi e l’orzo perlato sciacquato per bene, e aggiustare di sale e pepe; iniziare a versare di tanto in tanto il brodo preparato in precedenza.  Deve cuocere almeno 1 ora. Una volta pronta la zuppa, è possibile arricchirla con dei crostini fatti in casa.

E...buon appetito!

 

 

image
Il Portico

 

image
La Baita giusto

 

image
banner valgiò

 

 

 

Image

Torino e area metropolitana

Non Solo Contro

Il giornale è a cura dell'Associazione Culturale onlus NonSoloContro.
Registrazione n. 2949 del 31/01/2019 rilasciata dal Tribunale di Torino
Direttore responsabile: Nadia Bergamini

Per la pubblicità

ABC Marketing e Comunicazione 
P.I. 124160015

abc.marketing.comunicazione@gmail.com

 Tel.: 3935542895 - 3667072703