Mar, 16 Lug, 2024

Torino

"Green to share". A Torino per 7mila dipendenti l'auto diventa in car sharing perchè la difesa ambientale parte dalla mobilità

Primo esempio virtuoso in Italia che consentirà meno immissioni di CO2, risparmio di carburante e sulle manutenzioni

Favorire la mobilità sostenibile e l’utilizzo di mezzi ecologici. E' l'obiettivo del progetto “Green to Share” della Città di Torino - prima pubblica amministrazione italiana a promuovere un nuovo sistema di gestione del parco mezzi aziendale in car sharing -  inaugurato ieri, mercoledì 6 dicembre, con una prova dei nuovi mezzi di fronte a Palazzo Civico alla presenza della vicesindaco Michela Favaro e dell’assessora alla Transizione Ecologica e alla Mobilità Chiara Foglietta.

«Grazie a questo progetto – spiega Favaro – rinnoviamo la flotta mettendo a disposizione degli oltre 7mila uomini e donne che lavorano nei diversi settori comunali dislocati in città mezzi più ecologici e un sistema di spostamento rapido ed intuitivo. In queste settimane sono stati previsti appuntamenti di formazione specifici per presentare il nuovo sistema e le prime auto sono già a disposizione. Siamo molto contenti di essere la prima pubblica amministrazione a promuovere un sistema di car sharing interno che ci auguriamo possa essere un esempio di mobilità condivisa e sostenibile non soltanto per il personale comunale ma anche per le cittadine e i cittadini».

Un investimento possibile grazie a circa 3milioni di euro di Fondi React-EU del Programma Operativo Nazionale “Città Metropolitane 2014-2020” (PON Metro) Asse 6 – “Ripresa Verde, Digitale e Resiliente” che metteranno a disposizione dei dipendenti delle 59 sedi comunali un totale di 259 veicoli, suddivisi tra 87 veicoli elettrici, 31 veicoli ibridi e 182 veicoli già appartenenti al parco auto comunale adattati al nuovo sistema di car sharing.

Tutte le auto saranno prenotabili tramite piattaforma telematica dal proprio computer o con una apposita app per smartphone. Sempre con il proprio smartphone o con il badge personale i dipendenti potranno accedere al veicolo prenotato, sbloccarlo ed utilizzarlo per gli spostamenti di lavoro. Colonnine di ricarica collocate nelle varie sedi comunali permetteranno poi di ricaricare i mezzi elettrici dopo l’utilizzo.

«La scelta di Torino è una bella notizia per l'ambiente, ma soprattutto per l'esempio che offre – è il commento di Foglietta -. Il settore pubblico è centrale per raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile e le scelte di consumo della pubblica amministrazione con la crescita degli ‘acquisti verdi’ e l'aumento degli investimenti per riqualificare il patrimonio immobiliare, rivestono, insieme ai comportamenti dei dipendenti, grande importanza nell'ottica del risparmio energetico e della lotta ai cambiamenti climatici e all'inquinamento. Oltre a tagliare le emissioni e permettere una riduzione delle C02 il servizio 'Green To Share' promuove un cambiamento culturale dei diversi portatori di interesse favorendo l’avvio di un circuito virtuoso, in questo caso orientato a un nuovo modello di mobilità meno inquinante, ma replicabile  in molteplici aree di intervento». 

Le prime auto sono già in servizio e il nuovo sistema entrerà progressivamente in vigore entro fine anno. Con l’introduzione del nuovo servizio si ipotizza una riduzione di CO2 di quaranta chilogrammi, che corrisponde alla piantumazione di circa 1600 alberi, una riduzione delle spese di carburante stimata del 63% e una diminuzione dei costi di manutenzione del 30%

I nuovi mezzi ecologici del Comune hanno avuto un illustre precedente già nello scorso secolo: era il 1953, infatti, quando una Fiat Balilla degli anni ’30, che veniva utilizzata dal sindaco Amedeo Peyron per i suoi spostamenti in Città, venne trasformata in auto a motore elettrico dai meccanici comunali. Nel vano motore e nel bagagliaio due ingombranti batterie le consentono, ancor oggi, di viaggiare, seppure per pochi chilometri.

 

 

image
fiamma pubblicità Edilizia Orizzontale

 

image
B.B. Handmade

 

image
Valgiò Natale

 

 

 

Image

Torino e area metropolitana

Non Solo Contro

Il giornale è a cura dell'Associazione Culturale onlus NonSoloContro.
Registrazione n. 2949 del 31/01/2019 rilasciata dal Tribunale di Torino
Direttore responsabile: Nadia Bergamini

Per la pubblicità

ABC Marketing e Comunicazione 
P.I. 124160015

abc.marketing.comunicazione@gmail.com

 Tel.: 3935542895 - 3667072703