Mar, 16 Ago, 2022

Riconoscere vipere da serpenti innocui

Riconoscere vipere da serpenti innocui

I consigli del dottor Andrea Fontana

"Avere paura del morso della vipera è comprensibile, ma è doveroso ricordare che tutte le altre specie presenti sul territorio italiano sono innocue"

Vipera o biscia… basta il nome a farcii tremare. Impossibile o quasi fare una passeggiata in campagna senza temere di incontrare un essere strisciante. E, se malauguratamente,  se ne incrocia uno, ci vuole una settimana per riprendersi. Sempre ammesso e non concesso che, se armati di bastone, magari non si proceda alla soluzione finale. "Avere paura del morso della vipera è comprensibile, ma è doveroso ricordare che tutte le altre specie presenti sul territorio italiano - spiega il medico veterinario Andrea Fontana  - dette colubri, sono innocue. Ad esse si aggiunge l'orbettino, una lucertola priva di zampe, anch'esso non velenoso. Uccidere i serpenti non è mai una buona opzione, perché facendolo priviamo la natura di un importante anello della catena ambientale e togliamo alle nostre coltivazioni un alleato fondamentale che ci protegge da topi e arvicole. Impariamo a conoscere e rispettare i serpenti, perché ucciderli a priori è senza dubbio un atteggiamento sciocco e sbagliato, sia dal punto di vista etico che dal punto di vista ambientale, peraltro punito dalla legge, che tutela questi animali da molestie ed uccisione con pesanti sanzioni e reclusione (Art. 727 del Codice Penale)"

Image

Torino e area metropolitana

Non Solo Contro

Il giornale è a cura dell'Associazione Culturale onlus NonSoloContro.
Registrazione n. 2949 del 31/01/2019 rilasciata dal Tribunale di Torino
Direttore responsabile: Nadia Bergamini

Per la pubblicità

ABC Marketing e Comunicazione 
P.I. 124160015

abc.marketing.comunicazione@gmail.com

 Tel.: 3935542895 - 3667072703