Mer, 17 Lug, 2024

A Venaria Reale una mostra fotografica e un dibattito per parlare di pari opportunità nella giornata dell'8 marzo

A Venaria Reale una mostra fotografica e un dibattito per parlare di pari opportunità nella giornata dell'8 marzo

Giulivi «un messaggio positivo, d’incoraggiamento, in opposizione allo stereotipo e alle discriminazioni»

In occasione della Giornata Internazionale della Donna, la Città di Venaria Reale e la Fondazione Via Maestra organizzano la mostra fotografica e documentaria “Faccio quello che voglio! - Donne oltre le convenzioni”, a cura di Simona Fiore e Francesca Gentile, videomakers e fotografe.

Un progetto che  nasce da come, per tante donne, la scelta di un percorso professionale o sportivo considerato maschile nell’immaginario collettivo, comporti una sfida sotto tanti punti di vista. Scelte spesso osteggiate, in famiglia o nei luoghi stessi di lavoro, altre volte invece (quasi a sorpresa), incoraggiate e sostenute in ambienti che a prima vista potrebbero non sembrare per nulla inclusivi. 

«Una mostra che aiuta a mantenere alta l’attenzione sul tema dell’uguaglianza di genere - interviene il sindaco Fabio Giulivi -. Donne libere che, con caparbietà e sacrificio, hanno conseguito la propria realizzazione, e le cui storie possono essere d’ispirazione per le generazioni più giovani. Un messaggio positivo, d’incoraggiamento, in opposizione allo stereotipo e alle discriminazioni che sono tra i molteplici aspetti che caratterizzano la violenza di genere».

L'esposizione propone una ventina di fotografie, ciascuna dedicata a una protagonista, durante alcuni momenti della sua giornata lavorativa e una didascalia raccoglie, oltre ai dati della persona ritratta, un suo breve intervento che racconta le difficoltà, le sfide e i traguardi raggiunti. 

«Vogliamo dare voce a tutte quelle donne che hanno scelto carriere professionali e sportive non convenzionali - spiegano le due curatrici della mostra - dimostrando che la capacità non dipende dalla forza fisica o da diverse qualità intellettive, ma dallo studio, dall’abilità e dal sapersi destreggiare. Attraversando gli ambiti più disparati, ci siamo imbattute in figure femminili caparbie ed impegnate, che ogni giorno danno il loro contributo al cambiamento. Da questi incontri sono nate le nostre fotografie, per restituire le loro condizioni lavorative, le difficoltà, così come i momenti di gioia e realizzazione».

Inoltre, a seconda dell’ambito, vengono fornite alcune informazioni a carattere statistico e storico per poter dare al pubblico una visione generale della partecipazione femminile al lavoro in Italia. Inquadrando con lo smartphone i QR code su ogni pannello, si accede a contenuti multimediali relativi a ciascuna donna.

«Il tema della mostra è particolarmente attuale, oltre che trasversale - aggiunge l'assessora alla Cultura Marta Barbara Santolin -.  L’autodeterminazione e l’indipendenza sono al centro della vita delle protagoniste: la crescita, il riscatto, l’autodeterminazione passano soprattutto attraverso i percorsi professionali. E’ un preciso dovere delle amministrazioni pubbliche tenere alto il livello di attenzione e stimolare la riflessione culturale su questo argomento, sia nel mondo degli adulti sia in ambito scolastico e tra le nuove generazioni».  

L'inaugurazione è prevista per venerdì 8 marzo al Teatro Concordia e successivamente sarà visitabile al Liceo Juvarra solo per scuole (su prenotazione).

La mostra sarà visitabile al Teatro Concordia (corso Puccini) venerdì 8 marzo dalle 20 alle 23,30 e domenica 10 marzo dalle 15 alle 19,30. Ingresso libero. Al Liceo “Filippo Juvarra” (via Bruno Buozzi 16)  martedì 12 e giovedì 14 marzo, ingresso riservato alle scuole su prenotazione.

Sempre venerdì 8 marzo, nella Sala del Consiglio comunale (piazza Martiri della Libertà 1) alle 16,30, incontro “Le donne in un mondo del lavoro in evoluzione: verso un pianeta 50-50 nel 2030” (il tema scelto mira a promuovere il raggiungimento degli obiettivi dell'Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile, e nello specifico gli obiettivi numero 5 e 4). Un dibattito a cui parteciperanno il sindaco Fabio Giulivi e l’assessora alle Pari Opportunità, Paola Marchese, organizzato dalle associazioni Cultura Senza Frontiere e La Crisalide di Ieri e di Oggi, con le presidenti Soraya Chabouha e Carmela Furfari, in collaborazione con la Pro Loco Altessano – Venaria Reale e col patrocinio della Città. Attraverso le storie di vita e professionali raccontate direttamente dalle protagoniste, in rappresentanza delle comunità di Italia, Algeria, Francia, Germania, Spagna, Svizzera verranno affrontate le difficoltà per le donne di avere le stesse opportunità dei maschi nel raggiungere obiettivi che sempre più sono comuni ai diversi generi. 

«Un’analisi che, affrontando il tema di quest’anno della Giornata Internazionale della Donna - sottolinea l'assessora alle Pari Opportunità, Paola Marchese - vuole accorciare le distanze di genere con al centro quei lavori che erano solo maschili, evidenziando quanto ancora sia necessario lavorare, affinché tutte abbiano le stesse opportunità». 

Image

Torino e area metropolitana

Non Solo Contro

Il giornale è a cura dell'Associazione Culturale onlus NonSoloContro.
Registrazione n. 2949 del 31/01/2019 rilasciata dal Tribunale di Torino
Direttore responsabile: Nadia Bergamini

Per la pubblicità

ABC Marketing e Comunicazione 
P.I. 124160015

abc.marketing.comunicazione@gmail.com

 Tel.: 3935542895 - 3667072703