Dom, 14 Lug, 2024

Polemica e raccolta firme a Venaria per il boschetto che sarà abbattuto per far posto all'Ecocentro

Polemica e raccolta firme a Venaria per il boschetto che sarà abbattuto per far posto all'Ecocentro

Polemica a Venaria Reale per il nuovo Ecocentro che l'Amministrazione guidata dal sindaco Fabio Giulivi, ha deciso di ricollocare nell’area tra corso Piemonte e corso Lombardia. Ma non è l'Ecocentro in sè a far discutere, necessario per il conferimento di molte tipologie di rifiuti da parte dei cittadini, quanto il boschettoche occupa proprio quell'area e che per forza di cose dovrà essere eliminato.

Un boschetto che ospita oltre 50 piante d'alto fusto, tra cui 19 bagolari (celtis australis)  altre varietà anche di pregio botanico. A sollevare la polemica, su questa scelta dell'Amministrazione, è stato Paolo Berger, già vicesindaco e assessore nel 2010 nell’ex giunta Catania, alquanto discutibile dal punto di vista ambientale. Per cui è iniziata una raccolta firme per salvare il boschetto.

«La scelta di quell'area comporterà l’inevitabile abbattimento del patrimonio arboreo esistente - insiste Berger - in spregio ad un bene prezioso che è cresciuto, costituendo una sorta di ecosistema naturale, nel corso degli ultimi quarant’anni. Non è certamente oggi accettabile che un’Amministrazione possa avvalorare tale scelta, in un periodo storico in cui da più parti si stia invece promuovendo la necessità e l’importanza di una tutela ambientale più marcata proprio a salvaguardia del futuro e per le prossime generazioni. E' una scelta che va in assoluta controtendenza ed oltretutto con una valenza fortemente diseducativa».

Ma a Palazzo Civico hanno un'idea ben diversa «è un progetto che parte da lontano, dal 2009 e nel corso degli anni le precedenti Amministrazioni avevano deciso per la vendita dell’attuale area di corso Cuneo. Dopo attente valutazioni si è deciso di insediare l’ecocentro in corso Piemonte, con un progetto che è stato approvato dal ministero dell’Ambiente. Gli alberi abbattuti saranno una trentina, tra cui anche piante che sono tra quelle che la Regione definisce infestanti. L’abbattimento sarà compensato dalla messa a dimora di 78 nuove piante tra viale delle Industrie, corso Garibaldi, via Druento e l’area della ferrovia», spiegano sindaco e assessore Giuseppe Di Bella.

Image

Torino e area metropolitana

Non Solo Contro

Il giornale è a cura dell'Associazione Culturale onlus NonSoloContro.
Registrazione n. 2949 del 31/01/2019 rilasciata dal Tribunale di Torino
Direttore responsabile: Nadia Bergamini

Per la pubblicità

ABC Marketing e Comunicazione 
P.I. 124160015

abc.marketing.comunicazione@gmail.com

 Tel.: 3935542895 - 3667072703